Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.308,77
    -366,38 (-1,09%)
     
  • Dow Jones

    39.150,33
    +15,57 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    17.689,36
    -32,23 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    38.596,47
    -36,55 (-0,09%)
     
  • Petrolio

    80,59
    -0,70 (-0,86%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.082,19
    +439,54 (+0,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.347,40
    -12,93 (-0,95%)
     
  • Oro

    2.334,70
    -34,30 (-1,45%)
     
  • EUR/USD

    1,0697
    -0,0009 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    5.464,62
    -8,55 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    18.028,52
    -306,80 (-1,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.907,30
    -40,43 (-0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8455
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    0,9552
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4640
    -0,0010 (-0,07%)
     

Forex, dollaro guadagna contro yen, focus su Fed e tetto debito

Una banconota da 1 dollaro

NEW YORK (Reuters) - Il dollaro è in rialzo rispetto allo yen, appena al di sotto dei massimi da sei mesi, mentre gli investitori attendono nuovi segnali di ulteriori aumenti dei tassi da parte della Fed e aspettano notizie di un possibile accordo del Congresso per aumentare il tetto del debito Usa.

Il biglietto verde è rimbalzato nelle ultime due settimane, grazie a dati macro più forti del previsto e a dichiarazioni hawkish da parte di alcuni membri del board della banca centrale statunitense, che mantengono viva la prospettiva di ulteriori aumenti dei tassi.

La divisa Usa, tuttavia, e' scesa dai massimi dopo i commenti di Jerome Powell di venerdì, secondo cui condizioni di credito gia' più rigide potrebbero tradursi nella necessita' di un minor inasprimento.

Intorno alle 17,30 italiane, il dollaro si apprezza su yen dello 0,44% a quota 138,56, dal picco semestrale a 138,75 toccato ieri.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

L'euro è in calo dello 0,01% a 1,0801 dollari, dopo aver segnto i minimi di oltre sette settimane a 1,0760 dollari venerdì.

L'indice del dollaro è in rialzo dello 0,15% a 103,19, rimanendo al di sotto dei massimi della scorsa settimana di 103,63.

L'attenzione degli investitori è rivolta ai negoziati per l'innalzamento del limite del debito Usa, con il rischio di default visto come un'eventualità improbabile.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Valentina Consiglio)