Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,28 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,19 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,33 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,92 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    -0,06 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    60.876,45
    -771,42 (-1,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.353,52
    -20,32 (-1,48%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +2,40 (+0,10%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,0217%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,11 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8564
    -0,0012 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    0,9874
    +0,0031 (+0,31%)
     
  • EUR/CAD

    1,4791
    -0,0003 (-0,02%)
     

Forex, dollaro a massimi di cinque mesi, mette yen sotto pressione

Banconote dello yen e del dollaro

LONDRA/TOKYO (Reuters) - Il dollaro si rafforza ai massimi di cinque mesi contro la sterlina e l'euro, dopo che ieri i dati sulle vendite al dettaglio statunitensi, più forti del previsto, hanno fatto salire i rendimenti dei Treasury, innescando il timore di un possibile intervento da parte di Tokyo, mentre lo yen resta ai minimi dal 1990.

Intorno alle 10,45, l'euro è in calo dello 0,1% a 1,0613 dollari, il valore più basso dal 2 novembre, continuando a perdere slancio dopo che la Banca centrale europea la scorsa settimana ha segnalato un taglio dei tassi a giugno.

La sterlina è in lieve calo a 1,2436 dollari, dopo aver toccato un minimo di cinque mesi a 1,2409 dollari, mentre i trader valutano i dati britannici che hanno mostrato che la crescita dei salari di base ha registrato l'aumento più debole dai tre mesi fino a settembre 2022, pur rimanendo forte rispetto agli standard storici.

Questo aiuta l'indice del dollaro statunitense a salire dello 0,1% a 106,33, il massimo dal 2 novembre.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Lo yen si aggira intorno a 154,45 per dollaro, il livello più basso degli ultimi 34 anni, e vicino a quello che secondo gli analisti è il nuovo livello di resistenza di 155.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Valentina Consiglio)