Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.111,91
    -643,55 (-1,11%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Forex, dollaro a nuovo massimo da un mese dopo dati vendite dettaglio Usa

Diverse banconote da 100 dollari statunitensi

NEW YORK (Reuters) - L'indice del dollaro ha raggiunto il nuovo massimo da un mese, dopo che i dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti hanno indicato che l'economia è solida, intaccando le prospettive del mercato su eventuali tagli dei tassi da parte della Federal Reserve.

Le vendite sono aumentate dello 0,6% il mese scorso, dopo un rialzo dello 0,3% a novembre, secondo i dati del dipartimento del Commercio. Gli economisti intervistati da Reuters prevedevano un incremento dello 0,4%.

Sebbene i mercati continuino a ritenere probabile che la prima mossa al ribasso dei tassi da parte della Fed avvenga a marzo, le aspettative di un taglio di almeno 25 punti base sono scese al 57,1%, secondo lo strumento FedWatch del CME, dal 65,1% di ieri.

Intorno alle 17,10, l'indice del dollaro, che tiene traccia del biglietto verde rispetto a un paniere di valute, sale dello 0,3% a 103,664, dopo aver toccato 103,68, massimo dal 13 dicembre.

La divisa Usa scambia in progresso dello 0,8% contro lo yen a 148,32.

L'euro perde circa lo 0,1% a 1,0861 dollari, anche se i funzionari della Banca centrale europea cercano di limitare le aspettative di un imminente taglio dei tassi.

La sterlina vale 1,2668 dollari, con un incremento dello 0,25%, grazie all'aumento dell'inflazione britannica che ha rafforzato le attese del mercato sul fatto che la Banca d'Inghilterra sarà più lenta a ridurre i tassi rispetto alle altre banche centrali.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Valentina Consiglio)