Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 1 hour 15 minutes
  • Dow Jones

    37.983,24
    -475,86 (-1,24%)
     
  • Nasdaq

    16.175,09
    -267,11 (-1,62%)
     
  • Nikkei 225

    39.178,27
    -345,28 (-0,87%)
     
  • EUR/USD

    1,0658
    +0,0011 (+0,11%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.338,11
    +917,70 (+1,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.589,41
    -132,28 (-0,79%)
     
  • S&P 500

    5.123,41
    -75,65 (-1,46%)
     

Forex, dollaro poco mosso, verso primo guadagno mensile da settembre

L'illustrazione mostra le banconote del dollaro statunitense

LONDRA/NEW YORK (Reuters) - Giornata poco mossa per il dollaro, che scambia intorno alla parità con le altre principali valute, dopo una serie di dati economici in prevalenza deboli, ma rimanendo comunque in corsa per il primo guadagno mensile da settembre, con gli investitori convinti che la politica restrittiva della Fed continuerà ancora per qualche tempo.

Il rally del dollaro a febbraio ha preso slancio nelle ultime settimane, grazie ad una serie di dati economici positivi che hanno fatto crescere le aspettative che la Federal Reserve debba aumentare i tassi più di quanto previsto inizialmente.

L'indice del dollaro, che misura l'andamento del biglietto verde contro una serie di valute, rimane vicino alla parità, a quota 104,57, rimanendo comunque in corsa per un guadagno del 2,4% a febbraio, il primo aumento mensile da settembre.

Anche i rendimenti dei Treasury statunitensi sono saliti, con il rendimento del titolo a due anni, sensibile all'inflazione, che è tornato ai massimi di tre mesi e mezzo [US/]

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

I dati statunitensi di oggi hanno mostrato l'emergere di alcuni segni di debolezza che stanno filtrando nell'economia, pesando leggermente sul dollaro.

I dati poco incoraggianti penalizzano il biglietto verde, che cede lo 0,07% nei confronti dello yen, fermandosi a quota 136,09 yen e scendendo dai massimi di oltre due mesi toccati durante la seduta.

Si apprezza leggermente anche l'euro, che scambia a 1,0616 dollari in rialzo dello 0,05%. La moneta unica ha ridotto le perdite precedenti dopo la pubblicazione dei dati sull'inflazione francese, superiori alle attese, che hanno portato i rendimenti a breve termine della zona euro vicino ai massimi di oltre un decennio.

Seduta positiva per la sterlina, che estende i rialzi della seduta precedente grazie ad un rialzo dello 0,47% nei confronti del dollaro, salendo a quota 1,2119 dollari.

La valuta britannica era salita nella giornata di ieri, dopo che Gran Bretagna ed Unione europea hanno annunciato un nuovo accordo - noto come Windsor Framework - per il protocollo commerciale post-Brexit sull'Irlanda del Nord.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha detto che l'annuncio ha aperto la strada a un nuovo capitolo delle relazioni tra Londra e Bruxelles.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)