Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.308,77
    -366,38 (-1,09%)
     
  • Dow Jones

    39.150,33
    +15,57 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    17.689,36
    -32,23 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    38.596,47
    -36,55 (-0,09%)
     
  • Petrolio

    82,34
    +0,17 (+0,21%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.072,65
    -205,64 (-0,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.326,28
    -34,04 (-2,50%)
     
  • Oro

    2.334,70
    -34,30 (-1,45%)
     
  • EUR/USD

    1,0697
    -0,0009 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    5.464,62
    -8,55 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    18.028,52
    -306,80 (-1,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.907,30
    -40,43 (-0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8455
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    0,9552
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4640
    -0,0010 (-0,07%)
     

Forex, dollaro in rialzo su dati Usa, euro debole su recessione tedesca

Banconote del dollaro statunitense

NEW YORK (Reuters) - Il dollaro guadagna terreno per la quarta seduta consecutiva, ai massimi da due mesi, dopo dati macro Usa ancora positivi a dispetto dell'aggressivo ciclo di rialzi dei tassi di Federal Reserve.

Le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono cresciute di 4.000 unità la scorsa settimana a 229.000, al di sotto delle attese di 225.000, e i dati della settimana precedente sono stati rivisti nettamente al ribasso, a dimostrazione della solidità del mercato del lavoro.

Inoltre, la seconda stima sulla crescita del Pil del primo trimestre ha confermato un rallentamento dell'economia, anche se l'1,3% rappresenta una revisione al rialzo rispetto alla lettura iniziale dell'1,1%.

In contrasto, l'economia tedesca è risultata in recessione nel primo trimestre, con un calo del Pil dello 0,3% che ha fatto crollare l'euro.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

L'indice del dollaro guadagna lo 0,34% a 104,24 dopo aver toccato 104,27, massimo dal 17 marzo.

L'euro cede lo 0,2% a 1,0720 dollari.

Quanto al potenziale default degli Stati Uniti, proseguono a Washington proseguono le trattative per innalzare il tetto del debito di 31.400 miliardi di dollari, a pochi giorni dalla deadline dell'1 giugno segnalata dal Tesoro.

Lo yen perde lo 0,17% nei confronti del biglietto verde, attestandosi a 139,81, mentre la sterlina scambia a 1,2324, in calo dello 0,36%.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Alessia Pé)