Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    56.971,32
    -278,06 (-0,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Forex, dollaro risale da minimi tre mesi, inflazione francese pesa su euro

Banconote di euro e dollari

LONDRA (Reuters) - Il dollaro risale dai minimi di tre mesi, ma si avvia comunque a registrare il calo mensile più marcato in un anno, mentre gli investitori continuano a scommettere sul fatto che la Federal Reserve abbia terminato i rialzi dei tassi, in attesa dei dati sull'inflazione di oggi.

Intorno alle 10,26, l'indice del dollaro sale dello 0,35% a 103,12, riguadagnando terreno rispetto ai 102,46 toccati ieri, il minimo dall'11 agosto.

L'indice è ancora in calo di circa il 3,3% a novembre, a causa delle crescenti attese per un taglio dei tassi di interesse da parte della Fed nella prima metà del 2024.

Riflettori puntati sul cruciale indice dei prezzi della spesa per consumi personali (Pce) di oggi, dato dell'inflazione attentamente seguito dalla Fed.

A sostenere il dollaro i dati sull'inflazione in Francia, che hanno mostrato un ulteriore rallentamento a novembre, pesando sull'euro e dando una spinta al biglietto verde.

L'euro, la valuta di maggior peso nell'indice del dollaro, è in ribasso dello 0,31% a 1,0931 dollari. Ieri ha toccato il livello più alto da agosto, a 1,1017 dollari.

Lo yen si rafforza dello 0,07% a 147,13 per dollaro, rimanendo vicino al massimo di due mesi e mezzo di 146,675 per dollaro toccato ieri. A novembre la valuta asiatica ha guadagnato il 3% sul biglietto verde e si prepara a registrare il mese migliore dell'anno.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Francesca Piscioneri)