Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.182,77
    -93,40 (-0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Forex, dollaro sale in vista Fed, taglio tassi a marzo considerato meno probabile

Euro, dollaro di Hong Kong, dollaro statunitense, yen giapponese, sterlina britannica e banconote cinesi da 100 yuan

NEW YORK (Reuters) - Il dollaro guadagna terreno, mentre gli investitori si preparano alla prospettiva che la Federal Reserve possa respingere le aspettative di un imminente taglio dei tassi al termine della riunione di due giorni mercoledì.

La Fed nelle attese dovrebbe mantenere i tassi invariati, e gli investitori si concentreranno sui commenti del presidente Jerome Powell, dopo che a dicembre aveva indicato che la banca centrale si sta orientando verso un ciclo di riduzione dei tassi.

Intorno alle 16,45, l'indice del dollaro sale dello 0,35% a 103,79, rimanendo vicino al massimo di sei settimane di 103,82 toccato la settimana scorsa. L'indice si avvia a guadagnare il 2,4% a gennaio.

L'euro cala dello 0,5% a 1,0797 dollari.

Il biglietto verde è in ribasso dello 0,26% a 147,77 yen, ma la valuta giapponese si dirige verso un declino di quasi il 5% a gennaio, la sua performance mensile più debole dal giugno 2022, con i trader che attenuano le aspettative sulla tempistica con cui la Banca del Giappone uscirà dalla politica ultra-accomodante.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing XXX)