Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    34.490,71
    +23,04 (+0,07%)
     
  • Dow Jones

    39.069,59
    +4,33 (+0,01%)
     
  • Nasdaq

    16.920,79
    +184,76 (+1,10%)
     
  • Nikkei 225

    38.646,11
    -457,11 (-1,17%)
     
  • Petrolio

    77,80
    +0,93 (+1,21%)
     
  • BTC-EUR

    63.817,35
    +599,61 (+0,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.451,28
    -16,82 (-1,15%)
     
  • Oro

    2.335,20
    -2,00 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0850
    +0,0032 (+0,2929%)
     
  • S&P 500

    5.304,72
    +36,88 (+0,70%)
     
  • HANG SENG

    18.608,94
    -259,77 (-1,38%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.035,41
    -2,19 (-0,04%)
     
  • EUR/GBP

    0,8516
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CHF

    0,9917
    +0,0031 (+0,31%)
     
  • EUR/CAD

    1,4818
    -0,0029 (-0,19%)
     

Forex, dollaro sfiora i massimi di sei settimane su rafforzamento economie

Euro, dollari statunitensi e di Hong Kong, yen giapponesi, sterline e yuan cinesi in diversi tagli.

LONDRA/SINGAPORE - Il dollaro è rimasto poco mosso, continuando a scambiare vicino ai massimi di sei settimane grazie ai solidi dati economici.

I dati dei sondaggi pubblicati ieri hanno mostrato che l'attività delle imprese statunitensi è inaspettatamente rimbalzata a febbraio, ai massimi degli ultimi otto mesi. Anche nella zona euro, il Pmi dell'attività ha registrato un'impennata ai massimi di nove mesi.

I segnali economici positivi visti ieri hanno indotto gli operatori a prevedere ulteriori rialzi dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, zavorrando l'indice statunitense S&P 500 in calo del 2% e il dollaro in ribasso dello 0,3%.

L'euro rimane stabile a 1,065 dollari, appena al di sopra dei minimi di sei settimane toccati lo scorso venerdì a 1,061 dollari.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

L'indice del dollaro guadagna meno dello 0,1% a 104,22, non lontano dai massimi di sei settimane a 104,67 toccati alla fine della scorsa settimana.

Il rapporto sull'occupazione negli Stati Uniti all'inizio di febbraio ha innescato il rimbalzo del dollaro, che è stato aiutato da una serie di dati economici forti.

Il dollaro scivola dello 0,1% a 134,85 yen, dopo aver guadagnato ieri oltre lo 0,5%.

La sterlina cede lo 0,26% a 1,208 dollari, mentre ieri è salita dello 0,6% dopo la pubblicazione di forti dati Pmi anche per il Regno Unito.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Stefano Bernabei)