Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 4 hours 11 minutes
  • FTSE MIB

    32.408,20
    +389,80 (+1,22%)
     
  • Dow Jones

    38.612,24
    +48,44 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    15.580,87
    -49,91 (-0,32%)
     
  • Nikkei 225

    39.098,68
    +836,52 (+2,19%)
     
  • Petrolio

    77,72
    -0,19 (-0,24%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.605,03
    +503,64 (+1,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.039,10
    +4,80 (+0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,0857
    +0,0034 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    4.981,80
    +6,29 (+0,13%)
     
  • HANG SENG

    16.742,95
    +239,85 (+1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.838,61
    +63,30 (+1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8561
    +0,0002 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    0,9526
    +0,0011 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4601
    -0,0006 (-0,04%)
     

Forex, dollaro solido verso chiusura miglior anno dal 2015

L'illustrazione mostra le banconote del dollaro statunitense

SINGAPORE (Reuters) - Il dollaro è solido e si avvia a chiudere il suo migliore anno dal 2015, spinto da una stretta aggressiva della Fed e dai timori sulle prospettive di crescita a livello globale.

L'indice che misura l'andamento del dollaro contro un paniere di sei valute è salito di oltre l'8% quest'anno. Al momento guadagna lo 0,13% a quota 103,9680.

La Federal Reserve ha alzato i tassi di complessivi 425 punti base da marzo per contenere l'inflazione, una mossa che ha fortemente aiutato il dollaro.

Ma la prospettiva che la Fed possa dimostrarsi meno aggressiva del previsto ha fatto invertire la rotta al biglietto verde, che questo trimestre ha ceduto oltre il 7%.

"Mi aspetto che il re dollaro perda la corona", commenta Moh Siong Sim, currency strategist di Bank of Singapore.

Una Banca del Giappone ultra-'dovish' ha invece zavorrato lo yen, sceso quest'anno di oltre il 13%, la sua peggiore performance dal 2013.

Ma la recente svolta della BoJ sul controllo della curva dei rendimenti ha fatto pensare agli investitori che la banca centrale possa abbandonare presto l'attuale politica, provocando un rimbalzo dello yen.

"La domanda è se ci sarà dell'altro", dice Sim. "Ma credo che lo scenario fondamentale per il Giappone stia iniziando a volgere a favore dello yen".

L'euro perde lo 0,07% circa a 1,0653 dollari. Quest'anno ha perso oltre il 6% a causa di un mix di fattori - una crescita debole nella zona euro, la guerra in Ucraina e una Fed aggressiva - scendendo sotto la parità con il dollaro per la prima volta in quasi vent'anni.

La sterlina sta per chiudere il peggiore anno dal 2016 a causa delle tumultuose vicende politiche, con un crollo di quasi l'11%.

Il dollaro australiano 'Aussie' e il neozelandese 'Kiwi', valute sensibili al rischio, quest'anno perdono rispettivamente quasi il 7% e oltre il 7% nel cross con il biglietto verde.

(versione italiana Antonella Cinelli, editing Sabina Suzzi)