Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 4 hours 51 minutes
  • FTSE MIB

    32.888,36
    -45,93 (-0,14%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,98 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,04 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    40.109,23
    +198,41 (+0,50%)
     
  • Petrolio

    79,64
    -0,33 (-0,41%)
     
  • Bitcoin EUR

    59.948,49
    +3.015,34 (+5,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,50
    -4,20 (-0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,0858
    +0,0019 (+0,17%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.595,97
    +6,53 (+0,04%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.900,41
    +5,55 (+0,11%)
     
  • EUR/GBP

    0,8562
    -0,0005 (-0,06%)
     
  • EUR/CHF

    0,9592
    +0,0021 (+0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,4720
    +0,0029 (+0,19%)
     

Forex dollaro stabile in attesa dato inflazione Usa

Banconote da cento dollari statunitensi in questa illustrazione scattata a Seoul

LONDRA (Reuters) - Il dollaro tiene in attesa del dato di domani sui prezzi al consumo Usa, con gli investitori che vogliono capire se l'inflazione si stia davvero raffreddando.

L'euro si è appiattito contro il dollaro dopo ieri che Mario Centeno della Bce ha detto che il ciclo di rialzo dei tassi di interesse si sta avvicinando alla fine, mentre Francoforte vede una crescita salariale nella zona euro "molto forte" nei prossimi trimestri secondo un articolo del bollettino economico della Bce.

Al momento l'euro guadagna lo 0,07% a 1,0742, oscillando intorno al livello più alto da sette mesi contro il biglietto verde.

Il dollaro ha perso quasi il 12% contro la divisa unica da quando ha toccato il picco ventennale a settembre, con gli investitori che hanno iniziato ad anticipare un raffreddamento dell'inflazione e con essa un biglietto verde più debole.

Ma nell'ultimo mese circa l'euro ha faticato ad avanzare ulteriormente, con i trader cauti nel vendere il dollaro mentre la Fed continua a promettere rialzi dei tassi e con le prospettive economiche globali poco incoraggianti.

L'indice del dollaro sale dello 0,03% contro un paniere di sei valute.