Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.922,16
    +40,66 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    37.986,40
    +211,02 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.282,01
    -319,49 (-2,05%)
     
  • Nikkei 225

    37.068,35
    -1.011,35 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    83,24
    +0,51 (+0,62%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.825,40
    +1.186,95 (+1,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.390,25
    +77,63 (+5,91%)
     
  • Oro

    2.406,70
    +8,70 (+0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,0661
    +0,0015 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.967,23
    -43,89 (-0,88%)
     
  • HANG SENG

    16.224,14
    -161,73 (-0,99%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.918,09
    -18,48 (-0,37%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    +0,0056 (+0,65%)
     
  • EUR/CHF

    0,9693
    -0,0017 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4645
    -0,0005 (-0,04%)
     

Forex, dollaro verso primo guadagno mensile da settembre su attese rialzo tassi Fed

Un dollaro statunitense davanti a un grafico

SINGAPORE/LONDRA (Reuters) - Il dollaro statunitense riprende il suo rally, dopo essere sceso ieri rispetto alla sterlina e all'euro, reindirizzandosi verso il primo guadagno mensile da settembre.

Il rally del biglietto verde ha preso slancio nelle ultime settimane grazie ai dati economici positivi che hanno fatto crescere le aspettative che la Federal Reserve statunitense debba aumentare i tassi di interesse più di quanto inizialmente previsto.

L'indice del dollaro è poco mosso a 104,64, ma si indirizza comunque verso un guadagno del 2,6% a febbraio, il primo rialzo mensile da settembre.

Gli investitori si aspettano ora che il tasso dei Fed funds raggiunga un picco appena superiore al 5,4% entro settembre, rispetto al 4,70 previsto all'inizio del mese.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Il dollaro guadagna soprattutto rispetto allo yen giapponese, che sale dello 0,35% a 136,68, ai massimi da oltre due mesi.

La sterlina incrementa i guadagni della seduta precedente rispetto al dollaro, salendo dello 0,2% a 1,2082 dollari.

Ieri la sterlina ha registrato un'impennata dell'1% dopo che la Gran Bretagna e l'Unione europea hanno annunciato un nuovo accordo sugli scambi commerciali post-Brexit per l'Irlanda del Nord, noto come Windsor Framework.

L'euro rimane fermo a 1,0621 dollari, dopo essere salito dello 0,6% nella seduta precedente.

L'euro ha ridotto le perdite precedenti dopo la pubblicazione dei dati sull'inflazione francese, superiori alle attese, che hanno portato i rendimenti a breve termine della zona euro ai massimi da almeno un decennio.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)