Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.126,43
    -486,82 (-0,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Forex, dollaro vicino a 150 yen in attesa dati inflazione Usa, balza sterlina

Una banconota da 1000 yen giapponesi sopra a diverse banconote in dollari statunitensi

LONDRA (Reuters) - Lo yen scivola vicino al livello psicologico di 150 per dollaro, in attesa della pubblicazione dei dati sull'inflazione statunitense prevista oggi alle ore 14,30 italiane, mentre la sterlina balza a un massimo di quasi sei mesi contro l'euro dopo dati salariali più forti del previsto.

Il biglietto verde è salito ai massimi di 11 settimane a 149,695 yen, avvicinandosi al livello di 150 che secondo gli analisti potrebbe innescare un'ulteriore manovra da parte delle autorità giapponesi nel tentativo di sostenere la valuta.

La sterlina tocca i massimi di quasi sei mesi a 85,105 pence per euro anche se i salari britannici sono cresciuti al ritmo più lento in più di un anno, dato che il rallentamento è stato meno forte di quanto previsto dalla maggior parte degli analisti e il tasso di disoccupazione britannico è sceso inaspettatamente.

La sterlina guadagna circa lo 0,1% rispetto al dollaro, a quota 1,2649 dollari.

Il franco svizzero è sceso a minimi plurisettimanali contro l'euro e il dollaro dopo che i prezzi al consumo, inferiori alle previsioni, hanno stimolato le scommesse sul taglio dei tassi.

Il franco perde lo 0,6% a 0,8811 per dollaro, e lo 0,5% a 0,9481 per euro.

L'euro scivola dello 0,1% rispetto al biglietto verde a 1,0759 dollari, mentre il dollaro australiano e il kiwi cedono rispettivamente lo 0,3% e lo 0,5%.

L'indice del dollaro scambia marginalmente in rialzo, a 104,249, in attesa dei dati chiave sull'inflazione.

Rispetto alle criptovalute, il bitcoin ha toccato il massimo da dicembre 2021 a 50.383 dollari e scambia stabilmente sopra i 50.000 dollari per il secondo giorno consecutivo.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Antonella Cinelli)