Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    39.836,58
    +29,81 (+0,07%)
     
  • Nasdaq

    16.804,33
    +9,46 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    38.946,93
    -122,75 (-0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0855
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.261,20
    +1.006,85 (+1,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.513,23
    +24,69 (+1,66%)
     
  • HANG SENG

    19.220,62
    -415,60 (-2,12%)
     
  • S&P 500

    5.313,04
    +4,91 (+0,09%)
     

Forex, euro tocca massimi da 2008 su yen, mercati in allerta per intervento BoJ

Banconote dello yen e del dollaro

TOKYO/LONDRA (Reuters) - Lo yen tocca nuovi minimi pluriennali contro il dollaro e l'euro, mantenendo alta l'allerta dei trader per possibili interventi in vista della riunione della Banca del Giappone di questa settimana.

Nel Regno Unito dopo i toni 'dovish' di alcuni banchieri centrali la sterlina galleggia attorno ai minimi di diversi mesi.

L'euro, in ampio rialzo dopo i dati sull'attività economica più forti del previsto in Francia e Germania, ha raggiunto i 165,62 yen, il massimo dal 2008 e scambia ora a 165,24.

Il dollaro si attesta a 154,85 yen dopo aver toccato il nuovo massimo dal 1990 a 154,87 yen, avvicinandosi sempre di più alla soglia di 155, considerata da molti come il nuovo limite che potrebbe far scattare l'intervento delle autorità giapponesi.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Il ministro delle Finanze Shunichi Suzuki ha detto che l'incontro della scorsa settimana con le sue controparti di Stati Uniti e Corea del Sud ha posto le basi per un intervento di Tokyo contro i movimenti eccessivi dello yen, nel più forte avvertimento finora.

Tuttavia, alcuni dubitano che Tokyo agisca così a ridosso della riunione di politica monetaria della BoJ che inizierà giovedì.

L'euro ha guadagnato non solo nei confronti dello yen, ma anche del dollaro apprezzandosi dello 0,2% a 1,067 dollari, dopo le perdite registrate questo mese.

Le dichiarazioni dei banchieri centrali britannici, secondo i quali l'inflazione sta rallentando verso l'obiettivo del 2% e probabilmente vi rimarrà, hanno alimentato la fiducia del mercato sulla prospettiva di tagli dei tassi in estate.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Sara Rossi)