Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • BTC-EUR

    61.500,48
    +1.215,73 (+2,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.369,64
    -4,20 (-0,31%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,0217%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8559
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    0,9880
    +0,0037 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4793
    -0,0001 (-0,01%)
     

Forex, yen guadagna contro dollaro su sospetto intervento

Banconote dello yen e del dollaro

NEW YORK (Reuters) - La valuta giapponese guadagna fino a 5 yen rispetto al dollaro, risalendo da un nuovo minimo di 34 anni toccato durante la seduta, con i trader che parlano di un intervento da parte delle autorità nipponiche per la prima volta in 18 mesi.

Il biglietto verde ha perso terreno fino a 154,4 yen in diversi rapidi movimenti che lo hanno fatto allontanare dal massimo intraday di 160,245, livello più alto dal 1990.

Intorno alle 17,10 italiane, la divisa Usa è ferma a 156,63 yen, in calo dell'1,09%. In Asia gli scambi sono meno intensi del solito per via della festività della Settimana d'Oro in Giappone.

Il diplomatico giapponese Masato Kanda non ha commentato quando gli è stato chiesto se le autorità fossero intervenute, anche se gli operatori sostengono che la mossa sia avvenuta. Della stessa opinione il Wall Street Journal, che cita persone a conoscenza della decisione.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Il sospetto intervento della banca centrale giapponese giunge pochi giorni prima dell'annuncio di politica monetaria della Federal Reserve, in calendario il 1° maggio. Secondo lo strumento FedWatch del CME, i mercati hanno ampie aspettative che la Fed mantenga i tassi invariati, data la solidità del mercato del lavoro e i recenti dati sull'inflazione, che si sono rivelati più forti del previsto.

L'indice del dollaro è in calo dello 0,23% a 105,69, mentre l'euro sale dello 0,24% a 1,0719 dollari. La sterlina si rafforza dello 0,46% a 1,2547 dollari.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Valentina Consiglio)