Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 46 minutes
  • Dow Jones

    38.996,39
    +47,37 (+0,12%)
     
  • Nasdaq

    16.091,92
    +144,18 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • EUR/USD

    1,0818
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.046,41
    -1.323,52 (-2,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.594,10
    +82,66 (+0,50%)
     
  • S&P 500

    5.096,27
    +26,51 (+0,52%)
     

Francia cerca alleanza pro-nucleare in vista colloqui energia Ue

Delle bandiere dell'Unione Europea sventolano davanti alla sede della Commissione Ue a Bruxelles

STOCCOLMA (Reuters) - La Francia ha in programma un incontro domani con altri 12 Paesi dell'Unione europea, con l'obiettivo di creare un'alleanza di Stati per sostenere l'energia nucleare nelle politiche energetiche dell'Ue.

L'iniziativa si inserisce nel contesto di una crescente controversia tra la Francia e i Paesi con vedute analoghe, che vogliono maggiori politiche comunitarie per promuovere il nucleare come fonte energetica a basse emissioni di carbonio, e quelli che, come Germania e Spagna, sostengono che il combustibile non dovrebbe essere messo sullo stesso piano delle energie rinnovabili.

L'incontro, convocato dalla ministra francese dell'Energia Agnes Pannier-Runacher a margine di una riunione dei ministri dell'Energia dei Paesi Ue a Stoccolma, si concentrerà sul contributo dell'energia nucleare agli obiettivi del cambiamento climatico e della sicurezza energetica, ha detto un funzionario francese.

L'obiettivo è quello di formare un'alleanza pro-nucleare con altri Stati in vista dei negoziati dell'Ue, ha detto il funzionario, senza specificare quali politiche riguardino tali negoziati.

I Paesi che parteciperanno sono Romania, Bulgaria, Slovenia, Repubblica Ceca, Svezia, Italia, Slovacchia, Polonia, Ungheria, Croazia, Paesi Bassi e Finlandia, oltre alla Commissione europea.

Gli stati membri Ue sono responsabili dei rispettivi mix energetici nazionali e hanno opinioni diverse in merito al nucleare.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Sabina Suzzi)