Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 7 hours 54 minutes
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,19 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,33 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,92 (-0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,0875
    +0,0004 (+0,03%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.993,11
    -589,25 (-0,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.355,03
    -18,81 (-1,37%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,11 (+0,91%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     

Gran Bretagna, inflazione sale inaspettatamente al 10,4% in febbraio

Diverse persone al mercato Lewisham a Londra

LONDRA (Reuters) - L'inflazione in Gran Bretagna è cresciuta inaspettatamente al 10,4% in febbraio, spinta dall'aumento dei prezzi dei generi alimentari e dalle bevande, più costose in pub e ristoranti.

È quanto mostrano i dati ufficiali pubblicati oggi, un giorno prima che la Banca d'Inghilterra annunci l'ultima decisione sui tassi di interesse.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto che il tasso annuale dell'Ipc sarebbe sceso al 9,9% a febbraio dal 10,1% di gennaio e si sarebbe allontanato dai massimi di 41 anni dell'11,1% registrati a ottobre.

Nella riunione di domani, la BoE dovrebbe annunciare se alzerà i tassi di interesse per l'undicesima volta consecutiva.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

I dati sull'inflazione portano a un cambio di rotta nelle aspettative sui tassi della BoE.

I mercati monetari prezzano un rialzo di 25 punti base al 4,25% domani.

Dopo la pubblicazione dei dati, la sterlina è salita rispetto al dollaro e all'euro.

L'Ipc core - che esclude energia, cibo, alcol e tabacco e che viene monitorato attentamente dalla BoE - è aumentato al 6,2% dal 5,8% di gennaio, contro una previsione di un calo del 5,7%.

Il tasso d'inflazione annuale nel settore dei servizi, considerato dalla maggior parte dei banchieri centrali come un buon indicatore delle pressioni di fondo sui prezzi nell'economia, è salito al 6,6% dopo essersi attestato al 6,0% a gennaio.

L'aumento dell'inflazione in Gran Bretagna è in contrasto con il calo del tasso Ipc statunitense al 6,0% nei 12 mesi fino a febbraio. Anche l'inflazione della zona euro è diminuita il mese scorso, ma la crescita dei prezzi di fondo ha continuato a registrare un'accelerazione.

Secondo il ministro delle Finanze Jeremy Hunt, i dati evidenziano che il previsto calo dell'inflazione non può essere dato per scontato.

Ieri in Parlamento ha detto che un'inflazione superiore al 10% è "pericolosamente alta".

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Francesca Piscioneri)