Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 3 hours 33 minutes
  • FTSE MIB

    33.863,95
    -17,55 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    37.775,38
    +22,07 (+0,06%)
     
  • Nasdaq

    15.601,50
    -81,87 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    37.068,35
    -1.011,35 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    82,34
    -0,39 (-0,47%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.010,98
    +2.084,05 (+3,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.340,76
    +28,14 (+2,19%)
     
  • Oro

    2.393,40
    -4,60 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0655
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • S&P 500

    5.011,12
    -11,09 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    16.224,14
    -161,73 (-0,99%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.925,24
    -11,33 (-0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8564
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    0,9683
    -0,0027 (-0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4662
    +0,0011 (+0,08%)
     

Greggio, Brent supera 88 dollari su nuovi timori offerta

Petroliere navigano lungo la baia di Nakhodka vicino alla città portuale di Nakhodka

LONDRA (Reuters) - Il Brent scambia sopra agli 88 dollari il barile per la prima volta da ottobre a causa delle nuove minacce alle forniture dopo gli ultimi attacchi ucraini alle strutture energetiche russe e l'escalation del conflitto in Medio Oriente.

Intorno alle 12,00, i futures sul Brent per la scadenza di giugno sono in rialzo di 1,57 dollari, o l'1,8%, a 88,99 dollari il barile. I futures sul greggio statunitense West Texas Intermediate (WTI) su maggio salgono di 1,62 dollari, o circa l'1,9%, a 85,31 dollari.

L'Ucraina ha colpito una delle più grandi raffinerie russe con un drone a 1.300 km dalle linee del fronte in Ucraina, che la Russia aveva inizialmente detto di aver respinto.

Un'analisi Reuters delle immagini che mostrano l'impatto dell'attacco suggerisce che sia stata colpita l'unità primaria di raffinazione del petrolio della raffineria, che rappresenta circa la metà della capacità produttiva annuale totale dell'impianto, pari a 340.000 barili al giorno (bpd).

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

In Medio Oriente, intanto, il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha detto che l'Iran risponderà al presunto attacco aereo israeliano contro il suo consolato nella capitale siriana Damasco.

I mercati guardano anche alla riunione di domani dell'Opec+, che rivedrà l'attuazione dei tagli alla produzione di petrolio.

I Paesi membri dovrebbero mantenere gli attuali tagli volontari alla produzione di 2,2 milioni di bpd fino alla fine del secondo trimestre. La produzione dell'Opec è scesa il mese scorso di 50.000 bpd, segnale che i tagli volontari stanno avendo effetto.

Anche sul fronte della domanda i segnali spingono verso un rialzo.

A marzo l'attività manifatturiera in Cina è cresciuta per la prima volta in sei mesi e negli Stati Uniti per la prima volta in un anno e mezzo, il che dovrebbe tradursi in un aumento della domanda di petrolio quest'anno.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Claudia Cristoferi)