Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 2 hours 54 minutes
  • FTSE MIB

    34.602,89
    +142,37 (+0,41%)
     
  • Dow Jones

    39.671,04
    -201,95 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    16.801,54
    -31,08 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    39.103,22
    +486,12 (+1,26%)
     
  • Petrolio

    78,32
    +0,75 (+0,97%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.432,02
    +31,84 (+0,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.512,83
    +10,17 (+0,68%)
     
  • Oro

    2.369,20
    -23,70 (-0,99%)
     
  • EUR/USD

    1,0854
    +0,0027 (+0,25%)
     
  • S&P 500

    5.307,01
    -14,40 (-0,27%)
     
  • HANG SENG

    18.868,71
    -326,89 (-1,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.058,56
    +33,39 (+0,66%)
     
  • EUR/GBP

    0,8519
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9907
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4830
    +0,0014 (+0,10%)
     

Greggio, prezzi poco mossi su colloqui Hamas per cessate il fuoco

Una veduta aerea mostra un'industria del greggio della Idemitsu Kosan Co. a Ichihara

(Reuters) - I prezzi del greggio sono poco variati, mentre i colloqui di pace tra Israele e Hamas al Cairo attenuano i timori di un conflitto più ampio in Medio Oriente e i dati sull'inflazione statunitense riducono le prospettive di un taglio dei tassi di interesse a breve.

Intorno alle 12,20 i futures sul Brent di giugno, che scadono domani, perdono 58 centesimi, o lo 0,6%, a 88,92 dollari il barile. Il contratto più attivo di luglio scende di 32 centesimi, o dello 0,4%, a 87,89 dollari il barile.

I futures sul greggio statunitense West Texas Intermediate (Wti) cedono 28 centesimi, o lo 0,3%, a 83,56 dollari il barile.

Una delegazione di Hamas si recherà oggi al Cairo per colloqui volti a garantire un cessate il fuoco, ha dichiarato domenica a Reuters un funzionario di Hamas.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Venerdì i dati sull'inflazione statunitense hanno messo un freno alle attese di tagli dei tassi nel prossimo futuro, con un aumento del 2,7% nei 12 mesi fino a marzo, al di sopra dell'obiettivo della Fed del 2%. Un'inflazione più bassa avrebbe aumentato la probabilità di tagli, che tendono a stimolare la crescita economica e la domanda di petrolio.

A pesare ulteriormente sulle prospettive della domanda di petrolio, la crescita degli utili delle società industriali della Cina è rallentata a marzo, secondo dati ufficiali diffusi sabato, ulteriore segnale della fragilità della domanda interna della seconda economia mondiale.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Gianluca Semeraro)