Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 3 hours 59 minutes
  • FTSE MIB

    32.829,67
    +164,46 (+0,50%)
     
  • Dow Jones

    38.589,16
    -57,94 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    17.688,88
    +21,28 (+0,12%)
     
  • Nikkei 225

    38.102,44
    -712,12 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    78,45
    0,00 (0,00%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.471,50
    -611,84 (-0,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.371,93
    -16,23 (-1,17%)
     
  • Oro

    2.335,30
    -13,80 (-0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,0719
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    5.431,60
    -2,14 (-0,04%)
     
  • HANG SENG

    17.936,12
    -5,66 (-0,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.859,11
    +19,97 (+0,41%)
     
  • EUR/GBP

    0,8456
    +0,0017 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    0,9559
    +0,0033 (+0,35%)
     
  • EUR/CAD

    1,4723
    +0,0024 (+0,16%)
     

Greggio, prezzi stabili dopo calo settimanale su prospettive tassi interesse Usa

Una vista del porto container di Vostochny sulla riva della baia di Nakhodka

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio sono poco variati, registrando progressi marginali in un contesto di scambi poco intensi a causa delle festività in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, dopo una settimana di ribasso determinata dalle prospettive dei tassi di interesse statunitensi a fronte di un'inflazione persistente.

Alle 12 circa il contratto Brent di luglio è in rialzo di 41 centesimi a 82,53 dollari il barile. Il contratto più attivo di agosto avanza di 46 centesimi a 82,3 dollari. I futures sul greggio statunitense West Texas Intermediate (Wti) guadagnano 42 centesimi a 78,14 dollari.

La scorsa settimana il Brent ha perso circa il 2% e il Wti quasi il 3% dopo che i verbali della Federal Reserve hanno mostrato che alcuni banchieri Fed sarebbero disposti ad aumentare ulteriormente i tassi di interesse se fosse ritenuto necessario per controllare l'inflazione ostinatamente alta.

L'indice dei prezzi delle spese per i consumi personali (Pce) degli Stati Uniti, atteso per questa settimana, sarà oggetto di attenzione per ulteriori segnali sulla politica dei tassi d'interesse. L'indice, che sarà pubblicato il 31 maggio, è considerato la misura preferita della Federal Reserve per misurare l'inflazione.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Gli occhi saranno puntati anche sui dati sull'inflazione tedesca di mercoledì e sulla zona euro di venerdì alla ricerca di segnali di un taglio dei tassi europei, che i trader hanno previsto per la prossima settimana.

L'attenzione sarà rivolta anche alla prossima riunione del gruppo di produttori di petrolio Opec+ che si terrà online il 2 giugno.

Secondo fonti dell'Opec+, questo mese è probabile che si verifichi un'estensione dei tagli alla produzione di 2,2 milioni di barili al giorno.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Stefano Bernabei)