Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 4 hours 27 minutes
  • FTSE MIB

    32.621,84
    -79,08 (-0,24%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,43 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,78 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,01 (+0,35%)
     
  • Petrolio

    76,17
    -0,32 (-0,42%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.078,35
    -508,34 (-1,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.040,50
    -8,90 (-0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,0855
    +0,0033 (+0,30%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.865,51
    -7,06 (-0,14%)
     
  • EUR/GBP

    0,8548
    +0,0009 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9545
    +0,0015 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4666
    +0,0056 (+0,38%)
     

Greggio in rialzo, focus su Medio Oriente

Una pompa petrolifera a Loving County, Texas, Stati Uniti

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo a fronte dell'incertezza sul conflitto in Medio Oriente che tiene i mercati in tensione, sebbene i guadagni siano limitati dalle preoccupazioni che le banche centrali manterranno i tassi di interesse più alti più a lungo per combattere l'inflazione, pesando sulla domanda di energia.

Intorno alle 11,00 italiane i futures sul Brent salgono di 70 centesimi a 82,69 dollari il barile e i futures sul West Texas Intermediate statunitense guadagnano 72 centesimi a 77,64 dollari il barile.

I prezzi del petrolio sono rimasti pressoché invariati negli scambi di ieri, dopo aver guadagnato il 6% la scorsa settimana.

Gli Houthi dello Yemen, allineati all'Iran, continuano i loro attacchi nel Mar Rosso, rivendicando solidarietà con i palestinesi e colpendo navi con legami commerciali con gli Stati Uniti, il Regno Unito e Israele da metà novembre.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Andrea Mandalà)