Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    38.944,43
    -124,80 (-0,32%)
     
  • Nasdaq

    16.038,60
    +62,35 (+0,39%)
     
  • Nikkei 225

    39.239,52
    +5,81 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0847
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • Bitcoin EUR

    53.033,00
    +2.897,45 (+5,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.790,80
    +156,06 (+0,94%)
     
  • S&P 500

    5.074,61
    +5,08 (+0,10%)
     

Greggio in rialzo tra tensioni in Medio Oriente, prospettive offerta

Petroliera a Zhoushan

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio scambiano in rialzo, apprestandosi a un guadagno settimanale, dopo che le tensioni in Medio Oriente e le interruzioni della produzione di petrolio causate dal freddo negli Stati Uniti, il primo produttore al mondo, hanno eclissato i timori per la salute dell'economia cinese e globale.

Ieri il Pakistan ha lanciato attacchi di rappresaglia contro i militanti separatisti all'interno dell'Iran, mentre gli Stati Uniti hanno lanciato nuovi attacchi contro i missili antinave Houthi puntati sul Mar Rosso.

Intorno alle ore 10,45 i futures sul Brent scambiano in rialzo di 57 centesimi, o dello 0,7%, a 79,67 dollari il barile, mentre i futures sul West Texas Intermediate (WTI) degli Stati Uniti scambiano in rialzo di 61 centesimi a 74,69 dollari il barile.

Su base settimanale, il benchmark statunitense è impostato per una crescita di circa il 2%, mentre il Brent dovrebbe guadagnare l'1%. Entrambi gli indici hanno guadagnato terreno dopo che l'Agenzia Internazionale dell'Energia (Aie) ha alzato le previsioni di crescita della domanda di petrolio per il 2024.

Nonostante le previsioni di crescita della domanda siano più elevate, le proiezioni Aie sono la metà rispetto alle stime dell'Opec e l'agenzia parigina ha anche affermato che, salvo interruzioni significative dei flussi, il mercato sembra ragionevolmente ben rifornito per il 2024.

Anche se le tensioni in Medio Oriente non hanno interrotto la produzione di petrolio, continuano le interruzioni di fornitura in Libia ed è stata sospeso circa il 40% della produzione di petrolio in North Dakota, uno dei principali stati produttori degli Stati Uniti, a causa del freddo estremo a partire da mercoledì.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Claudia Cristoferi)