Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 51 minutes
  • FTSE MIB

    33.279,87
    -35,81 (-0,11%)
     
  • Dow Jones

    38.834,86
    +56,76 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    17.862,23
    +5,21 (+0,03%)
     
  • Nikkei 225

    38.570,76
    +88,65 (+0,23%)
     
  • Petrolio

    81,77
    +0,20 (+0,25%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.406,85
    -330,61 (-0,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.379,76
    +42,01 (+3,14%)
     
  • Oro

    2.342,30
    -4,60 (-0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,0749
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    5.487,03
    +13,80 (+0,25%)
     
  • HANG SENG

    18.430,39
    +514,84 (+2,87%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.892,25
    -23,22 (-0,47%)
     
  • EUR/GBP

    0,8444
    -0,0005 (-0,06%)
     
  • EUR/CHF

    0,9502
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4723
    -0,0008 (-0,06%)
     

Greggio stabile, tagli Arabia Saudita bilanciano timori per scenario macro

Pompe petrolifere a Midland, Texas, Usa

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono stabili, con gli investitori che tengono conto da una parte dei timori sulla salute dell'economia cinese e dall'altra dei tagli all'offerta di Arabia Saudita e Russia.

Intorno alle 11,00, i futures sul Brent sono in calo di 6 centesimi a 89,86 dollari al barile, mentre i futures sul greggio West Texas Intermediate (Wti) statunitense cedono 18 centesimi a 86,69 dollari.

Entrambi i benchmark petroliferi hanno toccato i massimi di 10 mesi all'inizio della settimana dopo che Riyadh e Mosca hanno esteso i tagli volontari all'offerta di 1,3 milioni di barili al giorno (bpd) fino alla fine dell'anno.

Tuttavia, i timori per la Cina - considerata cruciale per sostenere la domanda di petrolio nel resto dell'anno - hanno pesato sui mercati a causa della lenta ripresa post-pandemia del Paese, mentre le promesse di stimolo hanno deluso le aspettative.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

I dati di ieri hanno mostrato che le esportazioni e le importazioni complessive della seconda economia mondiale sono diminuite ad agosto, a causa del calo della domanda estera e della debolezza della spesa per i consumi, che hanno penalizzato le attività delle imprese.

Anche in periodi di scarsa attività economica, la Cina tende a rafforzare la propria capacità di stoccaggio, soprattutto con la disponibilità di greggio russo a basso costo.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)