Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 2 hours 15 minutes
  • Dow Jones

    38.834,86
    +56,76 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    17.862,23
    +5,21 (+0,03%)
     
  • Nikkei 225

    38.491,00
    -79,76 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0745
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.685,79
    -294,86 (-0,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.386,10
    +48,35 (+3,61%)
     
  • HANG SENG

    18.341,53
    -88,86 (-0,48%)
     
  • S&P 500

    5.487,03
    +13,80 (+0,25%)
     

H&M, vendite trimestrali inferiori ad aspettative

Il logo del rivenditore di moda H&M

STOCCOLMA (Reuters) - H&M ha registrato vendite piatte nell'ultimo trimestre, al di sotto delle aspettative, in un periodo in cui l'azienda di moda svedese incontra difficoltà ad attirare la clientela con il trascinarsi della crisi del costo della vita.

"Il lavoro per raggiungere l'obiettivo dell'azienda di un margine operativo del 10% nel 2024 sta andando nella giusta direzione. Nel trimestre, la redditività e i livelli di inventario sono stati considerati prioritari", ha detto H&M in un comunicato.

Il secondo gruppo retail di moda al mondo ha detto che le vendite in valuta locale del periodo giugno-agosto, il dato più atteso, sono state "piatte" rispetto all'anno precedente, a fronte di una crescita del 5% prevista in un sondaggio Reuters.

Le vendite nette sono aumentate del 6% a 60,9 miliardi di corone svedesi (5,45 miliardi di dollari), inferiori ai 63,5 miliardi previsti dagli analisti.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Escludendo le attività in Russia, Bielorussia e Ucraina - i negozi russi sono rimasti temporaneamente aperti per una parte del terzo trimestre dello scorso anno, ma da allora sono stati chiusi - le vendite di H&M sono aumentate dell'8%, misurato in corone svedesi.

H&M ha annunciato che a novembre inizierà a riaprire i negozi in Ucraina, chiusi l'anno scorso in seguito all'invasione russa.

Quest'anno H&M ha registrato un'inversione di tendenza che ha fatto aumentare il valore in borsa del 53%, grazie all'aumento delle vendite e all'entrata in vigore dei tagli ai costi annunciati l'anno scorso, ma deve affrontare la concorrenza di Inditex, proprietario di Zara, e di Shein, rivenditore di fast-fashion fondato in Cina.

Ieri, Inditex ha battuto le attese con un aumento del 40% dell'utile netto semestrale, anche se la più grande azienda di fast fashion al mondo ha rallentato il ritmo degli aumenti di prezzo.

Le vendite di Inditex a valuta costante sono aumentate del 14% tra l'1 agosto e l'11 settembre, sotto le aspettative degli analisti che prevedevano un aumento del 18%, segno che l'ondata di caldo in Europa ha intaccato la domanda di abbigliamento autunnale e invernale.

(1 dollaro = 11,1635 corone svedesi)

(Tradotto da Camilla Borri, editing Claudia Cristoferi)