Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • BTC-EUR

    61.484,16
    +722,23 (+1,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.369,64
    -4,20 (-0,31%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,0217%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9881
    +0,0038 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0007 (-0,05%)
     

Intel, vicino accordo da 11 mld $ con Apollo per impianto in Irlanda - Wsj

Foto illustrativa con il logo di Intel

(Reuters) - Intel è in trattative avanzate con Apollo Global Management per un investimento da parte del fondo di private equity di più di 11 miliardi di dollari per costruire un impianto in Irlanda.

Lo ha scritto il Wall Street Journal.

Intel e Apollo sono in trattative esclusive per l'accordo, che potrebbe essere firmato nelle prossime settimane, secondo Wsj che cita fonti vicine alla situazione.

Anche altre società, tra cui Kkr e Stonepeak, che investe nel settore delle infrastrutture, erano candidate all'operazione prima che Apollo si facesse avanti.

Apollo Global Management e Intel non hanno commentato.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Intel vuole espandere la propria presenza negli Stati Uniti, con un investimento previsto di 100 miliardi di dollari in quattro Stati, per potenziare la propria attività di produzione e recuperare il ritardo nei confronti della rivale Tsmc.

Il mese scorso ha previsto ricavi e utili per il secondo trimestre inferiori alle stime del mercato, poiché deve far fronte a una domanda debole per i suoi tradizionali chip per data center e personal computing, a fronte di un mercato in crescita per i componenti di intelligenza artificiale.

Nel 2022 l'azienda ha annunciato l'intenzione di costruire impianti per produrre chip in Irlanda e Francia, nel tentativo di beneficiare di regole di finanziamento e sussidi agevolati da parte della Commissione europea.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Gianluca Semeraro)