Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.129,43
    -744,36 (-1,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

INTERVISTA-Edison, da Qatar forniture regolari, guarda a opportunità crescita retail energia - AD

Panoramica della centrale termoelettrica Edison, filiale italiana di Edf, a Marghera

di Francesca Landini e Giancarlo Navach

MILANO (Reuters) - Le forniture di Gnl dal Qatar sono tornate regolari per Edison, dopo lo stop a un cargo a causa degli scontri nel Mar Rosso, e le consegne sono state riprogrammate fino ad aprile, facendo però il periplo dell'Africa. Quanto alla vendita del business degli stoccaggi, fra qualche settimana la società di proprietà della francese Edf deciderà se proseguire con la cessione o meno. E' da escludere uno spacchettamento degli asset.

E' quanto ha detto l'AD di Edison, Nicola Monti, in un'intervista a Reuters nel giorno dei risultati 2023 che vedono un forte balzo dell'utile netto e il raddoppio della cedola.

"Le consegne di gas sono state riprogrammate e al momento fanno sempre il periplo dell'Africa, per questioni di sicurezza passano dal Capo di Buona Speranza e non dal Canale di Suez", spiega il manager che sottolinea come "le forniture siano tornate regolari al di là di una cancellazione già recuperata nel corso dell'ultimo mese. Abbiamo riprogrammato con i qatarini le consegne dei prossimi mesi: febbraio, marzo e aprile".

Lo scorso fine gennaio un cargo di Gnl in arrivo dal Qatar fu cancellato proprio a causa delle tensioni nel Canale.

Quanto alla cessione dell'hub di stoccaggio - composto da tre concessioni a Collalto (in provincia di Treviso), Cellino (Teramo) e San Potito e Cotignola (Ravenna), per una capacità complessiva pari a circa un miliardo di metri cubi - Monti conferma che a fine gennaio sono arrivate due offerte non vincolanti. Si tratta di Snam e Ascopiave.

"Quello che dobbiamo valutare, anche alla luce del bilancio molto positivo appena approvato, è l'opportunità di cedere questi asset. Abbiamo interesse a portare avanti una procedura di dismissione solo se ci sono le condizioni adeguate di valorizzazione". I tempi sono comunque stretti, "nel giro di qualche settimana", precisa. Alla domanda se sia possibile uno spezzatino su questi asset in modo da dividerli fra i due offerenti, Monti è netto: "Questa è una cosa che non abbiamo mai considerato. Abbiamo chiesto la valorizzazione dell'intero perimetro. Non è nostro interesse vendere pacchetti separati".

Monti fa inoltre un cenno anche all'impatto negativo causato dalla mancata consegna di Gnl dagli Stati Uniti, che ha indotto la società ad avviare un contenzioso arbitrale contro Venture Global Calcasieu Pass presso la London Court of International Arbitration. "Abbiamo avuto un impatto importante sui conti e abbiamo una procedura arbitrale in corso. Ci aspettiamo un lodo nel primo semestre del 2025".

Il numero uno di Edison ha fatto poi il punto sulla crescita della base clienti nel comparto retail, dove la società è presente in tutte le regioni nella vendita di energia elettrica e gas, anche alla luce dell'esito della recente asta indetta dall'acquirente unico per gli utenti domestici ex maggior tutela nell'energia elettrica che ha visto Edison ottenere 4 lotti pari a 700.000 nuovi clienti in particolare al Sud. "Abbiamo l'obiettivo di raggiungere 4 milioni di contratti al 2030 e a questo fine stiamo investendo sull'evoluzione dei nostri servizi ai clienti finali. Chiudiamo il 2023 con poco più di 2 milioni e aggiungiamo 700.000 contratti con le aste".

Alla domanda se la società possa essere interessata all'eventualità che la romana Acea venda la sua base clienti pari a un milioni di utenti, Monti non lo esclude: "Se ci dovessero essere sul mercato altre opportunità di rafforzamento le guarderemo con interesse, e su Acea al momento ci sono rumour che si leggono", sottolinea.

Intorno alle 12,10 le azioni di risparmio Edison segnano un rialzo del 3,3% circa a 1,52 euro in scia dei risultati 2023 resi noti stamani. La società ha conservato la quotazione delle azioni di risparmio dopo avere ritirato dal listino le ordinarie nel 2012 a seguito del pieno controllo da parte di Edf. Al momento non c'è sul tavolo alcun progetto di un eventuale delisting anche delle risparmio.

(Editing Andrea Mandalà)