Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.700,92
    +344,66 (+1,07%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,42 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.098,68
    +836,48 (+2,19%)
     
  • Petrolio

    76,57
    -2,04 (-2,60%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.614,53
    +531,07 (+1,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.045,80
    +15,10 (+0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0823
    -0,0005 (-0,04%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.725,86
    -17,09 (-0,10%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.872,57
    +17,21 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8538
    -0,0009 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9531
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4606
    +0,0020 (+0,14%)
     

Intesa Sanpaolo, 70% dipendenti chiede abilitazione a settimana corta

Un edificio di Intesa Sanpaolo a Milano, Italia

MILANO (Reuters) - Il 70% dei dipendenti di Intesa Sanpaolo, per un totale di 28.500 impiegati full-time della governance e delle filiali in sperimentazione, ha richiesto l'abilitazione alla settimana corta e di questi, il 42% nel periodo marzo-settembre per un complessivo di 30.000 settimane.

E' quanto rende noto un comunicato della banca.

Dall'1 gennaio la banca ha introdotto un nuovo modello organizzativo che prevede anche la settimana corta di quattro giorni a fronte di un orario di lavoro di nove ore al giorno, pari a una riduzione di orario da 37,5 a 36 ore, su base volontaria.

Il dato è in crescita (sia abilitati che fruizione) anche in considerazione dell'esperienza che nel tempo i dipendenti stanno facendo, sottolinea l'istituto di credito.

(Giancarlo Navach, editing Gianluca Semeraro)