Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • BTC-EUR

    61.455,73
    -31,54 (-0,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.369,32
    -4,52 (-0,33%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,0217%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9881
    +0,0038 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0007 (-0,05%)
     

Isab, GOI completa acquisizione raffineria Priolo da Lukoil

Veduta generale dell'impianto Isab, la raffineria petrolifera di proprietà di Lukoil, a Priolo

MILANO (Reuters) - La società di private equity cipriota G.O.I. Energy ha completato l'acquisizione della raffineria siciliana Isab di Priolo Gargallo, controllata da Lukoil, dopo aver ricevuto il via libera del governo ai sensi della normativa sul golden power.

GOI ha quindi nominato un nuovo consiglio di amministrazione di Isab, composto da Angelo Taraborelli come presidente, Michael Bobrov (Ceo di GOI) come vicepresidente e dai consiglieri Ioannis Psichogios e Massimo Nicolazzi.

"Attraverso sinergie strategiche con partner industriali come Trafigura, GOI aspira a trasformare la raffineria di Priolo in uno degli hub energetici più rilevanti d'Europa", dice una nota sottolineando che Isab e Trafigura - trader indipendente di petrolio e prodotti petroliferi - hanno firmato oggi accordi commerciali a lungo termine che garantiranno la continuità nella fornitura di materie prime e nell'acquisto di prodotti finiti.

"Trafigura svolgerà un ruolo chiave nell’assicurare la piena operatività della raffineria in futuro", dice la nota.

(Claudia Cristoferi, editing Stefano Bernabei)