Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 6 hours 23 minutes
  • FTSE MIB

    34.992,24
    -406,58 (-1,15%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,19 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,33 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    39.069,68
    +282,30 (+0,73%)
     
  • Petrolio

    79,99
    -0,07 (-0,09%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.443,08
    -312,73 (-0,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.364,89
    +10,48 (+0,77%)
     
  • Oro

    2.443,40
    +26,00 (+1,08%)
     
  • EUR/USD

    1,0877
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.636,22
    +82,61 (+0,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.067,98
    -4,47 (-0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8559
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CHF

    0,9883
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4800
    +0,0007 (+0,05%)
     

Italia, fiducia settembre in calo, manifattura a minimo quasi 3 anni - Istat

Bandiera italiana all'Altare della Patria a Piazza Venezia a Roma

ROMA (Reuters) - A settembre in Italia cala la fiducia dei consumatori e soprattutto delle imprese, con l'indicatore relativo alla manifattura ai minimi da quasi tre anni e ben al di sotto delle attese.

Secondo i dati diffusi stamani da Istat, l'indice relativo al solo comparto manifatturiero flette per il sesto mese consecutivo scivolando a 96,4, minimo da novembre 2020, rispetto al 97,7 (rivisto da 97,8) di agosto. Il consensus Reuters era per un indice a 97,8.

Il composito del clima di fiducia - che comprende manifattura, commercio, costruzioni e servizi - si porta a quota 104,9, il livello più basso dallo scorso ottobre, da confrontare con il 106,7 (rivisto da 106,8) di agosto.

La flessione, sottolinea in una nota l'istituto di statistica, "si estende a tutti i settori di attività, con l'eccezione delle costruzioni".

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

L'indicatore relativo ai consumatori si riduce per il terzo mese consecutivo portandosi a 105,4 dal 106,5 di agosto, contro attese pari a 105,5.

"Si evidenzia un deciso peggioramento dei giudizi sulla situazione economica generale, un aumento delle attese sulla disoccupazione e un miglioramento delle valutazioni attinenti la situazione finanziaria della famiglia", spiega Istat.

(Antonella Cinelli, editing Sabina Suzzi)