Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 1 hour 40 minutes
  • FTSE MIB

    33.245,88
    -429,27 (-1,27%)
     
  • Dow Jones

    39.182,88
    +48,12 (+0,12%)
     
  • Nasdaq

    17.656,28
    -65,31 (-0,37%)
     
  • Nikkei 225

    38.596,47
    -36,55 (-0,09%)
     
  • Petrolio

    81,30
    +0,01 (+0,01%)
     
  • Bitcoin EUR

    59.542,61
    -1.760,29 (-2,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.334,65
    -25,68 (-1,89%)
     
  • Oro

    2.364,20
    -4,80 (-0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,0691
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • S&P 500

    5.460,21
    -12,96 (-0,24%)
     
  • HANG SENG

    18.028,52
    -306,80 (-1,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.902,80
    -44,93 (-0,91%)
     
  • EUR/GBP

    0,8459
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9549
    +0,0011 (+0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4647
    -0,0003 (-0,02%)
     

Istat, inflazione marzo rallenta ancora ma componente fondo non demorde

Una bandiera italiana e una bandiera dell'Unione europea a Roma

ROMA (Reuters) - A marzo l'inflazione italiana continua a diminuire in maniera marcata guidata dalla dinamica dei prezzi dei beni energetici, secondo i dati preliminari diffusi stamani da Istat.

Permangono però tensioni al rialzo nel comparto dei beni alimentari non lavorati, dei tabacchi e dei servizi, "che portano a una nuova accelerazione dell'inflazione di fondo la cui dinamica tuttavia sembra perdere lo slancio che aveva contraddistinto i mesi precedenti", spiega una nota.

Questo mese l'indice Nic dei prezzi al consumo ha evidenziato una flessione dello 0,3% su mese e un aumento del 7,7% su anno. A febbraio l'indice nazionale aveva registrato rialzi dello 0,2% congiunturale e del 9,1% tendenziale.

Le attese Reuters erano per una variazione congiunturale nulla e per un rialzo dell'8,2%.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

"I problemi di famiglie e imprese non sono finiti", segnala in una nota Confcommercio, spiegando che "le tensioni accumulate nei bilanci delle imprese lungo la filiera che collega importazioni, prezzi alla produzione e all'ingrosso, fino al comparto della distribuzione finale, sono ancora presenti".

'CORE' IN LEGGERA ACCELERAZIONE

L'inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, registra ancora una moderata accelerazione a +6,4% da +6,3%, mentre quella al netto dei soli beni energetici passa da +6,4% a +6,5%.

Restano stabili in termini tendenziali al 12,7% i prezzi del cosiddetto carrello della spesa (beni alimentari, per la cura della casa e della persona), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto rallentano da +9,0% a +7,7%.

"Tornano ad aumentare i prezzi dei vegetali freschi che balzano del 9,4% sotto la spinta del micidiale mix del cambiamento climatico e dei costi di produzione", dice a commento dei dati Coldiretti, che segnala anche "una accelerazione sui prezzi degli alimentari non lavorati (+9,3%)".

L'inflazione acquisita per il 2023 è pari a 5,1% per l'indice generale e a 4,1% per la componente di fondo.

Passando all'Ipca, l'indice armonizzato a marzo aumenta dello 0,8% su base mensile e dell'8,2% su base annua, dopo +0,1% e +9,8% rispettivamente di febbraio, contro attese pari a +1,4% e +8,9%.

Nella zona euro, questo mese i prezzi al consumo sono aumentati del 6,9% dopo il precedente +8,5%, facendo registrare la maggiore decelerazione dall'inizio della serie nel 1991, ma l'inflazione 'core' ha accelerato leggermente, al 7,5% dal 7,4% di febbraio.

(Antonella Cinelli, editing Stefano Bernabei, Sabina Suzzi)