Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.003,64
    -279,33 (-0,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Italia, inflazione novembre rallenta ancora, tocca minimo da marzo 2021

Banconote di euro

MILANO (Reuters) - L'inflazione italiana rallenta ancora in novembre, toccando il minimo da marzo 2021 a livello tendenziale grazie all'andamento dei prezzi dell'energia con una decelerazione anche nella componente di fondo.

Secondo i dati preliminari Istat nel mese osservato l'indice Nic mostra un calo congiunturale dello 0,4% e un incremento dello 0,8% a perimetro annuo, contro attese pari a 1%.

In ottobre aveva registrato un ribasso dello 0,2% su mese e un aumento dell'1,7% su anno.

L'istituto di statistica segnala che il deciso ridimensionamento del tasso tendenziale si deve "prevalentemente ai prezzi degli energetici, sia non regolamentati (da -17,7% a -22,5%) sia regolamentati (da -31,7% a -36,0%) e, in misura minore, al rallentamento degli alimentari lavorati, dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona e dei servizi relativi ai trasporti".

L'inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, rallenta al 3,6% da 4,2% di ottobre, come pure quella al netto dei soli beni energetici, a 3,7% da 4,2%.

"E' soprattutto una questione legata all'energia ma l'andamento della componente 'core' e di alcuni servizi indica che sta avendo un ruolo anche il rallentamento del contesto economico", osservano gli economisti di Ing.

A loro parere il rallentamento dell'inflazione potrebbe rivelarsi più forte del previsto nel 2024.

I prezzi del cosiddetto carrello della spesa aumentano a 5,8% mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto a 5,6%.

L'inflazione acquisita per il 2023 è pari a 5,7% per l'indice generale e a 5,1% per la componente di fondo.

Passando all'indice armonizzato, novembre mostra un -0,4% su base mensile e un +0,7% su anno, rispetto a un consensus pari rispettivamente a -0,1% e 1,1%.

Il mese scorso l'indice era salito dello 0,1% congiunturale e dell'1,8% rispetto all'anno prima.

(Sara Rossi, editing Alessia Pé) ((sara.rossi@thomsonreuters.com; +39 06 80307736))