Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 5 hours 11 minutes
  • FTSE MIB

    32.577,20
    -123,72 (-0,38%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,43 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,78 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,01 (+0,35%)
     
  • Petrolio

    76,26
    -0,23 (-0,30%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.126,45
    -469,77 (-0,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.041,30
    -8,10 (-0,40%)
     
  • EUR/USD

    1,0853
    +0,0031 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.862,49
    -10,08 (-0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8547
    +0,0008 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9538
    +0,0008 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4666
    +0,0056 (+0,38%)
     

Italia, Ppi -5,7% in media 2023, maggior flessione dal 2000 - Istat

Bandiera italiana presso l'Altare della patria a Roma

ROMA (Reuters) - I prezzi alla produzione dell'industria italiana hanno rallentato ancora a dicembre, mentre in media annua hanno segnato nel 2023 la flessione maggiore da 23 anni, depressi in particolare dal ribasso dei prezzi del comparto energetico.

Secondo i dati diffusi stamani da Istat, l'indice lo scorso anno è diminuito del 5,7% dopo il +34,4% evidenziato nel 2022, con un calo che è sintesi di dinamiche differenziate sul mercato interno (-8,3% da +42,7%) e su quello estero (+1,9% da +12,0%).

Si tratta della contrazione più ampia dal 2000 - ossia da quando è disponibile la serie storica – sebbene l’indice (140,9) resti "su un livello elevato (100,4 nel 2020)", osserva l`Istituto in una nota.

La flessione, spiega ancora Istat, riflette principalmente il venire meno delle tensioni sui prezzi dei prodotti energetici (-24,4% da +104,3% nel 2022): "al netto di questi prodotti, i prezzi sul mercato interno crescono del 2,5% in media d’anno (+12,8% nel 2022)".

Quanto al solo mese di dicembre, l'indice è diminuito dello 0,9% congiunturale dopo il -1,1% di novembre. A livello tendenziale, ha segnato un -16,0% - nona flessione consecutiva - dopo il -12,8% del mese prima.

Sul mercato interno i prezzi sono calati dell’1,2% su mese e del 20,5% su anno (da -16,5% di novembre). Al netto del comparto energetico, i prezzi registrano un calo congiunturale modesto (-0,1%) e un ribasso annuo stabile all’1,5%. Sul mercato estero i prezzi diminuiscono dello 0,1% su base mensile e dello 0,8% a perimetro annuo.

(Valentina Consiglio, editing Andrea Mandalà)