Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 6 hours 55 minutes
  • FTSE MIB

    33.211,63
    +303,58 (+0,92%)
     
  • Dow Jones

    38.778,10
    +188,94 (+0,49%)
     
  • Nasdaq

    17.857,02
    +168,14 (+0,95%)
     
  • Nikkei 225

    38.482,11
    +379,67 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    80,10
    -0,23 (-0,29%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.231,04
    -378,80 (-0,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.364,67
    -24,73 (-1,78%)
     
  • Oro

    2.327,90
    -1,10 (-0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,0719
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • S&P 500

    5.473,23
    +41,63 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    17.915,55
    -20,57 (-0,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.892,46
    +12,04 (+0,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8454
    +0,0008 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9526
    -0,0021 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,4738
    +0,0013 (+0,09%)
     

Istat, calo produzione industria giugno alimenta timori frenata Pil

La bandiera italiana a Palazzo Chigi a Roma

ROMA (Reuters) - Tonfo per la produzione industriale italiana, che a giugno cala per il secondo mese consecutivo a livello congiunturale facendo decisamente peggio delle attese, anche se la dinamica si mantiene positiva a livello di secondo trimestre.

Secondo i dati diffusi stamani da Istat, l'indice destagionalizzato segna una flessione del 2,1% su mese, mentre corretta per gli effetti di calendario la produzione scende su anno dell'1,2%.

Le attese erano per una flessione a livello congiunturale dello 0,2%.

Per un confronto, a giugno in Germania la produzione industriale è salita dello 0,4% congiunturale dal precedente -0,1%, contro attese che erano per una flessione dello 0,3%.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

"La dinamica negativa è estesa a quasi tutti i settori, con l'eccezione di quello dell'energia", scrive in una nota Istat, sottolineando però che "se guardiamo al secondo trimestre nel suo complesso, la variazione congiunturale risultante è positiva", pari a +1,2% rispetto ai tre mesi precedenti.

"Una contrazione della produzione per il mese di giugno era in linea con le nostre attese, anche se è più intensa di quanto ci aspettassimo", commenta Loredana Federico, capo economista di UniCredit, sottolineando però come la crescita nel secondo trimestre "confermi la resilienza fino a questo punto dell'industria".

La sorpresa, dunque, è più la tenuta a livello di trimestre che la flessione di giugno, dice l'economista, che prevede un rallentamento a luglio-settembre.

Per Confcommercio il dato odierno che fa seguito al -1,1% di maggio, assieme alle variazioni negative degli indici di fiducia e delle vendite al dettaglio, conferma "che una brusca frenata dell'economia italiana sul finire dell'estate è una possibilità per nulla remota".

Nel secondo trimestre dell'anno il Pil italiano - di cui la produzione industriale è considerata un buon indicatore - ha registrato un'espansione ben oltre le attese, secondo i dati forniti da Istat la settimana scorsa, ma i timori si concentrano ora sulla seconda parte dell'anno.

Seguono i dettagli forniti dall'istituto:

PRODUZIONE INDUSTRIALE GIU MAG APR

Variazione % m/m (destag.) -2,1 -1,1 +1,3r

Variazione % a/a (corr. per calend.) -1,2 +3,4 +3,9

Variazione % a/a (grezzo) -1,2 +6,6 -3,1

NOTA: BASE 2015=100

Istat ha fornito i seguenti dati sulla produzione per raggruppamento principale di industrie in giugno (percentuale su mese):

Beni di consumo -2,1

Beni strumentali -3,3

Beni intermedi -1,3

Energia +1,9

(Antonella Cinelli, editing Sabina Suzzi, Francesca Piscioneri)