Annuncio pubblicitario
Italia Markets close in 2 hrs 41 mins
  • FTSE MIB

    34.641,04
    +180,52 (+0,52%)
     
  • Dow Jones

    39.671,04
    -201,95 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    16.801,54
    -31,08 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    39.103,22
    +486,12 (+1,26%)
     
  • Petrolio

    78,20
    +0,63 (+0,81%)
     
  • BTC-EUR

    64.307,73
    +26,14 (+0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.513,45
    +10,79 (+0,72%)
     
  • Oro

    2.363,90
    -29,00 (-1,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0851
    +0,0023 (+0,2170%)
     
  • S&P 500

    5.307,01
    -14,40 (-0,27%)
     
  • HANG SENG

    18.868,71
    -326,89 (-1,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.062,54
    +37,37 (+0,74%)
     
  • EUR/GBP

    0,8521
    +0,0012 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    0,9909
    +0,0003 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4829
    +0,0013 (+0,09%)
     

Italia, redditi reali famiglie in calo ma rischio povertà si riduce - Istat

Vista di Milano

ROMA (Reuters) - In Italia i redditi familiari reali sono diminuiti ma il rischio di povertà o esclusione sociale si è ridimensionato, secondo il report "Condizioni di vita e reddito delle famiglie" diffuso stamani da Istat.

Il reddito netto medio delle famiglie nel 2022 è stato di circa 36.000 euro all'anno, con una crescita del 6,5% del valore nominale che non è stata in grado di compensare l'aumento dell'inflazione (+8,7% la variazione media annua a livello armonizzato).

In termini reali, dunque, i redditi familiari sono calati in media del 2,1%, e addirittura del 4,2% nel Nord-ovest.

Prendendo come riferimento il 2007, anno che precede la prima crisi economica del nuovo millennio, Istat spiega che i redditi familiari in termini reali hanno perso in media il 7,2%, con Centro e Mezzogiorno particolarmente penalizzati (rispettivamente -10,8% e -10,2%).

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

L'istituto sottolinea tuttavia come nel 2023 siano diminuiti i residenti a rischio di povertà o esclusione sociale, pari al 22,8% rispetto al 24,4% registrato l'anno prima.

Se da una parte, infatti, risulta in lieve aumento la popolazione in condizione di grave deprivazione materiale e sociale (4,7% dal 4,5%), dall'altra si registra un calo della popolazione a rischio di povertà, che passa al 18,9% (11,12 milioni di persone) dal 20,1% del 2022, grazie all'insieme delle misure di sostegno alle famiglie "quali l'Assegno unico universale per i figli, i bonus una tantum per contrastare l'aumento nei costi dell'energia e le modifiche intervenute nella tassazione".

(Antonella Cinelli, editing Stefano Bernabei)