Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 5 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    32.733,29
    +68,08 (+0,21%)
     
  • Dow Jones

    38.589,16
    -57,94 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    17.688,88
    +21,28 (+0,12%)
     
  • Nikkei 225

    38.102,44
    -712,12 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    78,36
    -0,09 (-0,11%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.336,31
    -634,73 (-1,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.359,75
    -28,41 (-2,04%)
     
  • Oro

    2.336,50
    -12,60 (-0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,0709
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    5.431,60
    -2,14 (-0,04%)
     
  • HANG SENG

    17.936,12
    -5,66 (-0,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.852,45
    +13,31 (+0,28%)
     
  • EUR/GBP

    0,8454
    +0,0015 (+0,18%)
     
  • EUR/CHF

    0,9547
    +0,0021 (+0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,4714
    +0,0015 (+0,10%)
     

Italia, ritiro misure crisi inefficienti per aggiustamento bilancio più rapido - Fmi

Un uomo passa davanti al logo del Fmi nella sede centrale di Washington

MILANO (Reuters) - L'Italia può ridurre il debito con aggiustamenti di bilancio più rapidi del previsto e senza impattare sulla crescita ritirando le misure anticrisi temporanee e inefficienti.

E' quanto sostiene il Fondo monetario internazionale (Fmi) nel rapporto 'Article IV' dedicato al paese e diffuso oggi.

"Le passività già accumulate per i crediti d'imposta aumenteranno ulteriormente il debito nei prossimi anni. Il disavanzo primario è diminuito, ma il divario con l'avanzo primario che prevaleva prima della pandemia rimane molto ampio a causa della lenta eliminazione delle politiche temporanee attivate durante la crisi", scrive il Fondo nel rapporto.

L'organizzazione con sede a Washington sottolinea come sia necessario un ben più alto avanzo primario, vicino al 3% del Pil, per garantire un graduale calo del debito.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Nel rapporto 'Article IV' il Fondo conferma le stime di crescita per l'Italia - a 0,7% sia per quest'anno che per il prossimo - contenute nel 'World Economic outlook' diffuso a metà aprile.

(Sara Rossi, editing Andrea Mandalà)