Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.758,58
    -327,46 (-0,96%)
     
  • Nasdaq

    11.576,99
    -7,57 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0910
    +0,0044 (+0,40%)
     
  • BTC-EUR

    21.179,67
    -202,95 (-0,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    522,96
    +280,28 (+115,49%)
     
  • HANG SENG

    22.072,18
    +229,85 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.059,40
    -17,20 (-0,42%)
     

JPMorgan, Standard Chartered ottengono approvazione per espandersi in Cina

Il logo di JPMorgan a New York

SHANGHAI (Reuters) - JPMorgan e Standard Chartered hanno ottenuto l'approvazione delle autorità cinesi per espandere le loro attività in Cina, con Pechino che tenta di incentivare l'espansione delle società straniere dopo aver eliminato le restrittive politiche anti-Covid.

La Cina sta velocizzando il processo per la concessione dei permessi alle realtà straniere per aumentare la fiducia degli investitori all'estero, nell'ambito degli sforzi del Paese a rilanciare la propria economia, colpita dalle severe misure anti-Covid che sono state sospese il mese scorso.

La China Securities Regulatory Commission ha reso noto che il ramo di asset management di JPMorgan sarà autorizzato ad assumere la piena proprietà di China International Fund Management Co. (Cifm), di cui detiene una quota del 49%.

L'approvazione è arrivata più di due anni dopo che la banca statunitense aveva chiesto di rilevare Cifm nel 2020.

"Dal punto di vista simbolico è molto importante, sia per le dimensioni dell'operazione, sia per il fatto che la Cina è destinata a essere uno dei principali motori di crescita di JPMorgan in futuro", ha affermato Peter Alexander, amministratore delegato della società di consulenza Z-Ben Advisors, che stima che l'operazione abbia un valore di circa 1 miliardo di dollari.

JPMorgan non ha rilasciato commenti nell'immediato.

Anche la banca britannica Standard Chartered ha ottenuto l'approvazione per la creazione di una nuova unità di intermediazione mobiliare in Cina, secondo quanto detto dall'autorità di regolamentazione.

Le autorità di regolamentazione e i funzionari governativi cinesi erano preoccupati per la politica zero-Covid applicata nel 2022 e per la preparazione del 20° Congresso del Partito Comunista di ottobre, ma le approvazioni concesse alle società straniere hanno recentemente registrato un'accelerazione, ha detto Alexander.

La China Securities Regulatory Commission ha dato il via libera venerdì a Schroders per espandere la propria presenza in Cina con la creazione di una divisione di fondi comuni di investimento.

La canadese Manulife Financial Corp ha ricevuto a novembre l'approvazione regolamentare per assumere il pieno controllo della sua impresa cinese di fondi comuni di investimento.

Nello stesso mese, l'asset manager statunitense Neuberger Berman ha ottenuto l'approvazione per la creazione di una nuova divisione di fondi in Cina.

"La Cina sarà certamente un po' un percorso lungo", ha detto Alexander, riferendosi al lungo processo di approvazione delle società straniere in Cina. "Ma questo non significa che l'opportunità non sia sempre presente", ha aggiunto.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Claudia Cristoferi)