Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 6 hours 47 minutes
  • Dow Jones

    40.000,90
    +247,10 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    18.398,45
    +115,04 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    41.190,68
    -1.033,32 (-2,45%)
     
  • EUR/USD

    1,0890
    -0,0020 (-0,19%)
     
  • Bitcoin EUR

    55.773,36
    +1.241,82 (+2,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.266,52
    +67,95 (+5,66%)
     
  • HANG SENG

    18.293,38
    +461,08 (+2,59%)
     
  • S&P 500

    5.615,35
    +30,81 (+0,55%)
     

Lufthansa si prepara per warning antitrust Ue su operazione Ita - fonte

Il logo di Lufthansa

BRUXELLES (Reuters) - Lufthansa si aspetta di ricevere nelle prossime settimane un 'warning' da parte dell'antitrust Ue in merito all'offerta per una quota di minoranza in Ita Airways ed è pronta a offrire rimedi mirati per risolvere i problemi di concorrenza.

Lo ha riferito una fonte direttamente a conoscenza della situazione.

Il vettore tedesco punta a una partecipazione del 41% nella compagnia aerea italiana per 325 milioni di euro, nell'ambito di un aumento di capitale.

La Commissione europea ha aperto un'indagine su larga scala sull'operazione a gennaio sui timori che l'acquisizione possa ridurre la concorrenza nei servizi di trasporto aereo passeggeri su diverse rotte a breve e lungo raggio.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

La Commissione europea esaminerà anche se sia necessario considerare Ita, Lufthansa e i partner di joint venture United Airlines e Air Canada come un'unica entità dopo la fusione.

Lufthansa si aspetta a metà marzo una comunicazione da parte della Commissione che esponga più dettagliatamente tali preoccupazioni, ha detto la fonte.

Le potenziali misure correttive potrebbero essere in linea con quelle dell'operazione tra Korean Air e Asiana, che ha ricevuto il via libera della Commissione solo dopo la rinuncia a slot, diritti di traffico e aerei per consentire a un concorrente di operare su quattro rotte equivalenti, ha aggiunto la fonte.

Lufthansa aveva offerto rimedi durante l'esame preliminare dell'operazione da parte dell'autorità di vigilanza dell'Unione europea, ma sono stati respinti poiché non hanno soddisfatto i requisiti regolamentari.

Nessun commento da parte della Commissione, che dovrà decidere sull'accordo entro il 6 giugno.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Sabina Suzzi)