Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.700,92
    +344,66 (+1,07%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,42 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.098,68
    +836,48 (+2,19%)
     
  • Petrolio

    76,57
    -2,04 (-2,60%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.643,21
    +558,01 (+1,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.045,80
    +15,10 (+0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0823
    -0,0005 (-0,04%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.725,86
    -17,09 (-0,10%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.872,57
    +17,21 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8538
    -0,0009 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9531
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4606
    +0,0020 (+0,14%)
     

Musk ringrazia la Svezia e vede luce in fondo al tunnel

Musk ringrazia la Svezia e vede luce in fondo al tunnel
Musk ringrazia la Svezia e vede luce in fondo al tunnel


Il CEO di Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) Elon Musk ha espresso sollievo dopo che un tribunale svedese ha deciso a favore dell'azienda, consentendole di recuperare la fornitura di targhe altrimenti bloccate dallo sciopero dei lavoratori postali.

Cosa è successo

"Grazie, Svezia!", ha scritto Musk dopo che un tribunale svedese ha stabilito che l'autorità dei trasporti del paese deve trovare un modo per consegnare le targhe a Tesla nonostante lo sciopero dei lavoratori in corso contro il produttore di veicoli elettrici.

Il produttore automobilistico aveva intentato causa contro l'autorità e anche il fornitore di servizi postali di proprietà statale PostNord dopo che i lavoratori postali avevano rifiutato di consegnare la posta a Tesla.

Le targhe emesse dall'autorità dei trasporti in circostanze normali vengono consegnate tramite PostNord.

Tuttavia, il tribunale ha stabilito lunedì che l'autorità deve consegnare le targhe a Tesla entro sette giorni o pagare una multa di 1 milione di corone svedesi (95.000 dollari) nonostante lo sciopero dei lavoratori postali.

Lo sciopero in corso

Alla fine di ottobre, IF Metall, un sindacato che rappresenta i meccanici di Tesla, ha avviato uno sciopero contro l'azienda automobilistica per accordi contrattuali collettivi, un aspetto fondamentale del mercato del lavoro svedese. Gli accordi collettivi in Svezia riguardano una serie di condizioni di lavoro, tra cui salari, forma di impiego, pensione professionale, ore di lavoro, ferie e periodi di preavviso.

Da allora, altri sindacati si sono uniti ai meccanici, con i lavoratori portuali che rifiutano di scaricare i veicoli Tesla, il personale delle pulizie sindacalizzato che rifiuta di pulire gli edifici Tesla e gli elettricisti che interrompono il servizio e la riparazione per Tesla. Questi sono stati raggiunti dai lavoratori postali il 20 novembre.

Tesla, da parte sua, sostiene, che nonostante lo sciopero, più del 90% dei suoi dipendenti continua a rimanere nelle posizioni perché le sue condizioni sono uguali o migliori delle richieste del sindacato.

Anche se Tesla non produce in Svezia, la suo Model Y è il modello di auto più venduto in Svezia finora quest'anno.

Immagine creata con l'intelligenza artificiale su MidJourney e Jonathan Weiss su Shutterstock

Continua a leggere su Benzinga Italia