Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.602,63
    -244,48 (-0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.374,35
    +0,51 (+0,04%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9881
    +0,0038 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0007 (-0,05%)
     

A Pechino, premier spagnolo esorta Xi a dialogo con Zelensky

Il presidente cinese Xi e il primo ministro spagnolo Sanchez si incontrano a Pechino

PECHINO (Reuters) - Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha sollecitato il presidente cinese Xi Jinping ad avviare un dialogo con la leadership ucraina e a conoscere di prima mano la soluzione di pace di Kiev per contribuire a porre fine all'invasione russa.

In una conferenza stampa a Pechino Sanchez ha detto di aver informato Xi, in visita a Mosca il 20 e 21 marzo, che la Spagna sostiene le proposte avanzate dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Queste includono la richiesta di ripristinare il territorio ucraino allo status quo prima dell'annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014.

"Credo che sia un piano che pone le basi per una pace duratura in Ucraina e che sia perfettamente in linea con la Carta delle Nazioni Unite e i suoi principi, che sono stati violati da (presidente russo Vladimir) Putin con la sua invasione", ha affermato.

"Ho espresso la nostra preoccupazione per l'invasione illegale dell'Ucraina", ha detto Sanchez, aggiungendo di aver incoraggiato Xi ad avviare un dialogo con il presidente Zelensky per conoscere di persona il piano di pace di Kiev.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)