Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 5 hours 36 minutes
  • Dow Jones

    39.872,99
    +66,22 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    16.832,62
    +37,75 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    38.659,47
    -287,46 (-0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0861
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.592,31
    -590,27 (-0,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.524,09
    +35,55 (+2,39%)
     
  • HANG SENG

    19.220,62
    -415,60 (-2,12%)
     
  • S&P 500

    5.321,41
    +13,28 (+0,25%)
     

Produttori di cognac francesi in rialzo su "atteggiamento aperto" Cina in disputa commerciale

Bottiglie della bevanda all'anice di Ricard nell'unità produttiva di Lormont, vicino a Bordeaux

(Reuters) - I titoli dei produttori di cognac francesi sono in rialzo dopo che il presidente Emmanuel Macron ha sottolineato l'"atteggiamento aperto" della sua controparte cinese nel contesto di una disputa commerciale che potrebbe risultare nell'imposizione di tariffe da parte della Cina sulle importazioni di brandy europeo.

Pernod Ricard e Remy Cointreau registrano un'impennata rispettivamente del 2,6% e del 7,7% intorno alle 13,20, rimanendo tra i migliori titoli dei due principali indici azionari francesi, rispettivamente il CAC 40 e il SBF 120.

Anche l'italiana Campari sale dopo i dati trimestrali. Il gruppo ha comprato ad aprile il produttore di cognac francese Courvoisier per un enterprise value fino a 1,32 miliardi di dollari.

I risultati delle due società sarebbero esposti a perdite se la Cina decidesse di imporre tariffe nell'ambito di un'indagine antidumping sul brandy importato dall'Ue, una mossa che sembra voler prendere di mira la Francia in una disputa commerciale.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Da quando è stata annunciata, a gennaio, l'indagine ha pesato molto sui titoli delle due società, che traggono notevoli ricavi dalle vendite di cognac in Cina. Le tariffe elevate potrebbero portare le aziende ad accumulare grandi quantità di brandy che potrebbero fare fatica a vendere altrove.

"Ringrazio il presidente per il suo atteggiamento aperto riguardo alle misure provvisorie sul cognac e per il suo desiderio di non attuarle", ha detto Macron durante la visita di Stato del presidente cinese Xi Jinping.

Mentre il presidente francese ha fornito pochi dettagli e Xi non ha menzionato la questione, una fonte diplomatica francese ha detto che ciò significa che non ci saranno tasse o dazi doganali fino alla fine dell'indagine, ma non sono da escludere misure una volta che questa sarà conclusa.

Remy e Pernod hanno preferito non commentare.

Poco dopo l'annuncio dell'indagine antidumping, l'associazione francese dell'industria del cognac ha detto che avrebbe collaborato pienamente con le autorità cinesi, ma che riteneva che la mossa fosse legata a una più ampia disputa commerciale piuttosto che al mercato dei liquori.

La Cina ha importato 1,57 miliardi di dollari di liquori da vino d'uva distillato nel 2023 fino a novembre, e la Francia ha rappresentato il 99,8% di tutte le esportazioni di brandy dell'Ue, secondo i dati doganali cinesi.

Oggi, Macron ha regalato a Xi, tra gli altri doni, una bottiglia dell'esclusivo cognac Louis XIII di Remy Cointreau, che ha un prezzo di vendita di 3.000-4.000 euro al pezzo.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Claudia Cristoferi)