Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 6 hours 25 minutes
  • Dow Jones

    38.834,86
    +56,76 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    17.862,23
    +5,21 (+0,03%)
     
  • Nikkei 225

    38.751,36
    +269,25 (+0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,0741
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.434,57
    -1.429,14 (-2,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.334,78
    -54,62 (-3,93%)
     
  • HANG SENG

    17.915,55
    -20,57 (-0,11%)
     
  • S&P 500

    5.487,03
    +13,80 (+0,25%)
     

Qatargate, il Parlamento europeo revoca l'immunità di Cozzolino e Tarabella

Il Parlamento europeo ha revocato l'immunità di Andrea Cozzolino e Marc Tarabella, i due deputati socialisti che secondo le autorità belghe sono coinvolti nello scandalo di corruzione che ha colpito l'assemblea comunitaria, ribattezzato Qatargate.

La votazione è avvenuta per alzata di mano nella sede di Bruxelles dell'Eurocamera, e lo stesso Tarabella ha votato a favore della revoca della sua immunità.

Ora i due deputati potranno essere interrogati dalle autorità belghe che stanno indagando sul caso. Il 16 gennaio, dopo aver ricevuto la richiesta di revoca, la Presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha annunciato l'avvio della procedura.

Tarabella: "Niente da rimproverarmi"

Cozzolino non era presente alla votazione a Bruxelles, mentre Tarabella si è presentato e ha alzato da la mano per sostenere la revoca della propria immunità. All'uscita dall'aula ha rilasciato qualche dichiarazione ai giornalisti presenti: "Dai primi giorni dell'indagine non ho smesso di chiedere la sospensione dell'immunità per poter rispondere alle domande degli inquirenti e fare luce su questa vicenda".

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

L'eurodeputato ha poi aggiunto: "Per rispetto delle autorità giudiziarie, mi sono astenuto dal fare commenti a mezzo stampa. Ero molto tentato di rispondere, visto che sono innocente, ma non mi sono ancora mai pronunciato pubblicamente e nemmeno lo farò ancora, per riservare ai giudici le mie prime risposte. Sappiate comunque che non ho niente da rimproverarmi".

Come previsto dal regolamento del Parlamento, le richieste sono state discusse dalla commissione giuridica, (Juri) che le ha approvate entrambe martedì 31 gennaio.

La proposta di risoluzione della relatrice Manon Aubry raccomandava infatti la revoca dell'immunità di Cozzolino e Tarabella, in modo da consentire lo svolgimento delle indagini. "Non dobbiamo fermarci a ciò che è venuto a galla in questa vicenda. La questione è come porre fine alla cultura dell'opacità e dell'impunità nel Parlamento europeo", ha detto l'eurodeputata, co-presidente del gruppo della Sinistra, a Euronews.

Il Parlamento ha inoltre votato sull'immunità di altri tre deputati, non correlati ai casi di Cozzolino e Tarabella.

I deputati hanno deciso di non revocare l'immunità della popolare francese Nadine Morano in un caso di presunta diffamazione, né quella del popolare tedesco Helmut Geuking, nel quadro di un procedimento civile in Germania. Revocata invece l'immunità di Nicolas Bay, francese del Rassemblement National, in seguito a una richiesta delle autorità del suo Paese, relativa a un'indagine preliminare su accuse penali.