Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    34.490,71
    +23,04 (+0,07%)
     
  • Dow Jones

    39.069,59
    +4,33 (+0,01%)
     
  • Nasdaq

    16.920,79
    +184,76 (+1,10%)
     
  • Nikkei 225

    38.646,11
    -457,11 (-1,17%)
     
  • Petrolio

    77,80
    +0,93 (+1,21%)
     
  • Bitcoin EUR

    63.708,55
    +454,59 (+0,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.450,92
    -17,18 (-1,17%)
     
  • Oro

    2.335,20
    -2,00 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0850
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.304,72
    +36,88 (+0,70%)
     
  • HANG SENG

    18.608,94
    -259,77 (-1,38%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.035,41
    -2,19 (-0,04%)
     
  • EUR/GBP

    0,8516
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CHF

    0,9917
    +0,0031 (+0,31%)
     
  • EUR/CAD

    1,4818
    -0,0029 (-0,19%)
     

In ribasso in attesa di esito riunione Bce

Panoramica della Borsa di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee sono in calo, con gli investitori che valutano i segnali contrastanti legati alla decisione sui tassi d'interesse della Federal Reserve statunitense e restano in attesa del verdetto della Banca centrale europea intorno a metà giornata.

Intorno alle 11,10 lo STOXX 600 scivola dello 0,5%, con i media e le auto in testa alle perdite, in calo rispettivamente del 2,9% e dell'1,2%.

Il settore energetico è l'unico positivo, guidato dal balzo dell'1,8% di SHELL che ha annunciato un utile del primo trimestre leggermente più basso rispetto al trimestre precedente a causa del calo dei prezzi dell'energia, ma ha comunque battuto le previsioni.

Gli occhi saranno puntati sulla decisione della Bce sui tassi, in calendario alle 14,15, da cui si attende un altro rialzo di 25 punti base, ma non si esclude nemmeno un aumento più consistente visto il persistere dell'inflazione.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

L'istituto di credito britannico VIRGIN MONEY UK è il peggior performer dell'indice, con un ribasso del 6,1% sulla scia di una riduzione degli utili semestrali per via dei maggiori costi di investimento e di maggiori accantonamenti per potenziali crediti in sofferenza.

Il produttore danese di farmaci NOVO NORDISK perde il 4,7% dopo l'annuncio che dovrà ridurre la fornitura di alcune dosi del popolare farmaco per l'obesità Wegovy negli Stati Uniti per far fronte all'elevata domanda.

AIRBUS cede l'1,5%, con gli analisti che sottolineano il persistere di problemi alla catena di approvvigionamento e i rischi legati alle consegne per la seconda metà dell'anno.

HARGREAVES LANSDOWN invece avanza del 3,1% dopo aver registrato un aumento degli asset amministrati per un periodo di tre mesi, sostenuto da un incremento delle nuove attività nette.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)