Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 4 hours 15 minutes
  • FTSE MIB

    33.758,63
    -122,87 (-0,36%)
     
  • Dow Jones

    37.775,38
    +22,07 (+0,06%)
     
  • Nasdaq

    15.601,50
    -81,87 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    37.068,35
    -1.011,35 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    82,11
    -0,62 (-0,75%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.041,59
    +2.382,50 (+4,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.333,68
    +21,06 (+1,63%)
     
  • Oro

    2.392,70
    -5,30 (-0,22%)
     
  • EUR/USD

    1,0648
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    5.011,12
    -11,09 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    16.224,14
    -161,73 (-0,99%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.913,91
    -22,66 (-0,46%)
     
  • EUR/GBP

    0,8562
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    0,9676
    -0,0035 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,4661
    +0,0010 (+0,07%)
     

Stellantis, accordi con sindacati su oltre 2.500 uscite volontarie

Il logo di Stellantis sull'edificio dell'azienda a Velizy-Villacoublay, vicino a Parigi

MILANO (Reuters) - Sono almeno 2500 le uscite volontarie concordate da Stellantis con i sindacati. Ai 1.520 lavoratori dell'area di Torino annunciati stamani dalla Uilm, se ne aggiungono altri mille fra Cassino e Pratola Serra che portano la cifra complessiva a 2.510 esuberi, scrive una nota della Fiom.

Un portavoce di Stellantis conferma l'accordo con i sindacati per l'area torinese e Pratola Serra e dice che saranno annunciati presto altri accordi.

"I confronti tenuti negli stabilimenti di Mirafiori, Cassino e Pratola Serra hanno visto l’azienda comunicare 2.510 esuberi. Torino 1.560, Cassino 850 (di cui 300 in trasferta a Pomigliano) e Pratola Serra 100 esuberi. Questi esuberi peseranno gravemente anche sulle aziende della filiera della componentistica", sottolineano in una nota congiunta Michele De Palma, segretario generale Fiom-Cgil e Samuele Lodi, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile settore mobilità.

L’accordo sindacale sulle uscite incentivate in Stellantis non è stato firmato dalla Fiom.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Stamani la Uil aveva annunciato un accordo con Stellantis per l'uscita volontaria incentivata fino a 1.520 lavoratori occupati in 21 società del gruppo presenti sul territorio di Torino, su un bacino di circa 15.000 addetti complessivi.

In Italia Stellantis dà lavoro a circa 43.000 persone.

Fra le uscite previste a Torino, 733 sono quelle incentivare nelle strutture centrali (impiegati e quadri) e 300 le uscite alle Carrozzerie di Mirafiori.

Secondo Luigi Paone, segretario generale Uilm Torino, "i numeri richiesti dall'azienda a Torino sono alti e questo ci deve far riflettere sul fatto che la situazione è sempre più drammatica. E' urgente accelerare il confronto con Stellantis e istituzioni per creare un vero progetto di rilancio per Mirafiori".

Per i sindacalisti della Fiom, la situazione negli stabilimenti di Stellantis in Italia è in netto peggioramento: a Mirafiori continua l'utilizzo degli ammortizzatori sociali con la cassa integrazione sulla 500 Bev e il contratto di solidarietà sulla linea della Maserati e in tutti gli altri siti aumenta la cassa integrazione per le lavoratrici e i lavoratori.

Il portavoce della casa automobilistica sottolinea che gli accordi in corso di realizzazione con le organizzazioni sindacali a Torino e in altre realtà locali italiane rientrano nel percorso definito nell’accordo quadro siglato venerdì scorso con i sindacati firmatari del contratto collettivo specifico di lavoro.

L'intesa definisce le modalità di individuazione e i trattamenti economici previsti per i lavoratori interessati alla risoluzione del proprio rapporto di lavoro perché prossimi alla maturazione dei requisiti per usufruire di un trattamento pensionistico o che intendono intraprendere nuovi percorsi professionali.

(Giulio Piovaccari, scritto da Giancarlo Navach, editing Claudia Cristoferi)