Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    38.985,13
    -84,10 (-0,22%)
     
  • Nasdaq

    16.041,71
    +65,46 (+0,41%)
     
  • Nikkei 225

    39.239,52
    +5,81 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0847
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • Bitcoin EUR

    52.332,19
    +2.046,81 (+4,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.790,80
    +156,06 (+0,94%)
     
  • S&P 500

    5.080,42
    +10,89 (+0,21%)
     

Stellantis chiede incentivi veicoli elettrici a Italia - Ceo

Carlos Tavares, Ceo di Stellantis, ad Atessa

(Elimina refuso in titolo)

ATESSA, Italia (Reuters) - L'approccio dell'Italia agli incentivi ha comportato diversi mesi di ridotta produzione automobilistica.

Lo ha detto il Ceo di Stellantis, Carlos Tavares, durante una visita allo stabilimento del gruppo nella città di Atessa, in Abruzzo, il più grande impianto di produzione di furgoni d'Europa.

"Negli ultimi nove mesi Stellantis ha chiesto al governo italiano di sostenere le vendite di veicoli elettrici", ha detto Tavares.

Il manager ha aggiunto che il gruppo sta chiedendo al governo italiano di sostenere le vendite di veicoli elettrici per aiutare anche a proteggere lo stabilimento di Mirafiori, che produce veicoli tra cui la 500 elettrica.

Stellantis ha messo in cassa integrazione oltre 2.000 dipendenti dello stabilimento di Mirafiori, di cui 1.250 per la 500 e 1.000 per la linea Maserati.

Dalla scorsa estate Stellantis è in trattativa con Palazzo Chigi per un piano a lungo termine per il settore.

Il governo vuole che il gruppo franco-italiano aumenti la sua produzione annuale in Italia a un milione di veicoli, rispetto ai circa 750.000 dell'anno scorso, mentre la casa automobilistica chiede misure di sostegno, tra cui costi energetici più bassi e incentivi alle vendite di veicoli elettrici.

L'1 febbraio il governo dovrebbe presentare il nuovo piano di incentivi, per un valore di oltre 900 milioni di euro per quest'anno, secondo una bozza di decreto visionata da Reuters.

"L'Italia sta spendendo molto meno di qualsiasi altro grande Paese europeo per sostenere i veicoli elettrici", ha detto Tavares.

"La conseguenza è che stiamo perdendo in Italia prodotti che potremmo fabbricare (...) Abbiamo già sprecato nove mesi di produzione, di produzione aggiuntiva a Mirafiori".

Roma ha inoltre detto di essere al lavoro per incoraggiare altre grandi case automobilistiche oltre a Stellantis, a produrre nel Paese.

"Siamo pronti a competere. Se la concorrenza è molto dura, ne apprezzerete le conseguenze. Ma noi siamo assolutamente a posto", ha detto Tavares.

OFFENSIVA SUI VEICOLI COMMERCIALI

Tavares ha detto che Stellantis mira a diventare leader mondiale nel mercato dei veicoli commerciali (Lcv) entro il 2030, lanciando quella che ha definito un'offensiva in Nord America e cogliendo le opportunità in Asia.

"Crediamo che in questo arco di tempo abbiamo il potenziale per vincere questa sfida", ha detto.

Con una quota di mercato superiore al 30% nel 2023, Stellantis è leader nel settore degli Lcv in Europa, ed è tra i maggiori produttori a livello globale insieme al numero uno Ford e a Toyota.

Lo scorso anno il gruppo ha venduto 1,8 milioni di Lcv in tutto il mondo con i suoi marchi Fiat, Peugeot, Citroen, Opel, Vauxhall e Ram, rispetto agli 1,6 milioni del 2022.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Gianluca Semeraro)