Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 25 minutes
  • Dow Jones

    35.950,89
    +520,47 (+1,47%)
     
  • Nasdaq

    14.226,22
    -32,27 (-0,23%)
     
  • Nikkei 225

    33.431,51
    -55,38 (-0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,0910
    +0,0017 (+0,15%)
     
  • Bitcoin EUR

    35.110,36
    +429,54 (+1,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    794,26
    +10,61 (+1,35%)
     
  • HANG SENG

    16.867,28
    -175,60 (-1,03%)
     
  • S&P 500

    4.567,80
    +17,22 (+0,38%)
     

Stellantis ribadisce forte impegno per Italia, tavolo auto con Mimit il 6 dicembre

Il logo Stellantis su una bandiera presso gli uffici del gruppo a Saint-Quentin-en-Yvelines, vicino Parigi

MILANO (Reuters) - Stellantis ribadisce il proprio impegno nei confronti dell'Italia e la volontà di creare le condizioni per mantenere il ruolo di leader del Paese, al centro della strategia del gruppo automobilistico.

E' quanto sottolinea un portavoce dell'azienda dopo che il ministero delle Imprese e del Made in Italy ha istituito, d'intesa con Stellantis, il ‘Tavolo sviluppo automotive’, a cui parteciperanno azienda, Regioni, sindacati e Anfia.

"Il tavolo, che si insedierà il 6 dicembre, avrà quali principali obiettivi: aumentare i livelli produttivi negli stabilimenti italiani, consolidare i centri di ingegneria e ricerca, investire su modelli innovativi, riqualificare le competenze dei lavoratori e sostenere la riconversione della componentistica", si legge nella nota del ministero.

Il portavoce della casa automobilistica sottolinea tuttavia che "per raggiungere le diverse ambizioni e sostenere il mercato automobilistico sono però necessari specifici fattori abilitanti, come il rinvio o la rimozione della normativa (Euro 7) che impedisce la continuazione della produzione di modelli a prezzi accessibili in Italia, gli incentivi alla vendita di veicoli elettrici e la rete di ricarica per sostenere i clienti e il miglioramento del costo dell'energia per sostenere la competitività industriale di Stellantis e dei fornitori italiani".

(Guulio Piovaccari, in redazione Giancarlo Navach, editing Andrea Mandalà)