Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • Dow Jones

    39.872,99
    +66,22 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    16.832,62
    +37,75 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    38.946,93
    -122,75 (-0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0858
    -0,0004 (-0,0326%)
     
  • BTC-EUR

    63.854,23
    -812,82 (-1,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.506,39
    +17,85 (+1,20%)
     
  • HANG SENG

    19.220,62
    -415,60 (-2,12%)
     
  • S&P 500

    5.321,41
    +13,28 (+0,25%)
     

Stellantis, a settembre al via vendita veicoli Leapmotor in nove Paesi europei

Il logo di Stellantis all'esterno di un edificio dell'azienda a Chartres-de-Bretagne, vicino a Rennes

di Sarah Wu e Giulio Piovaccari

HANGZHOU, Cina (Reuters) - Stellantis comincerà a vendere veicoli elettrici del partner cinese Leapmotor in nove Paesi europei a partire da settembre e a seguire in altre regioni.

Lo ha annunciato il Ceo Carlos Tavares a Hangzhou, in Cina, sede di Leapmotor, aggiungendo che le vendite di veicoli della joint-venture tra i due gruppi saranno estese a Sud America, Medio Oriente e Africa a partire dal quarto trimestre del 2024.

Si partirà con la T03, auto compatta segmento A per uso urbano, e con il Suv C10 con dimensioni da segmento D, ma l'obiettivo è proporre almeno un nuovo modello Leapmotor all'anno per i prossimi tre anni.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Verrà raggiunta entro fine anno una rete europea di 200 concessionari, per arrivare a 500 punti vendita entro il 2026.

"Non vogliamo lasciare la fascia di 20.000 euro del mercato ai nostri concorrenti cinesi", ha detto Tavares. "Ti puoi aspettare che la T03 costi meno di 20.000 euro in Europa".

Il colosso cinese di auto elettriche BYD punta a lanciare il suo modello Seagull in Europa per meno di 20.000 euro.

La joint-venture, chiamata Leapmotor International, è controllata al 51% da Stellantis e ha l'obiettivo di vendere i veicoli elettrici Leapmotor fuori dalla Cina. Punta anche a produrli fuori dal Paese facendo affidamento sulla presenza industriale di Stellantis.

Un portavoce di Stellantis ha precisato che non è prevista la vendita o la produzione di veicoli Leapmotor negli Stati Uniti.

L'accordo è parte di una partnership più ampia che ha visto lo scorso anno l'annuncio da parte di Stellantis dell'acquisto del 21% di Leapmotor in un'operazione da 1,6 miliardi di dollari.

Con la joint-venture, Stellantis ha i diritti di esclusiva sulla costruzione, l'esportazione e la vendita di prodotti Leapmotor fuori dalla Cina. Si tratta della prima volta per una casa automobilistica occidentale in un momento in cui produttori cinesi come BYD, Chery e Dongfeng annunciano o costruiscono impianti in Europa.

La joint-venture "ci consente di accelerare sul mercato con auto elettriche eleganti e convenienti", ha detto Tavares durante l'evento ufficiale del lancio con il fondatore e Ceo di Leapmotor, Zhu Jiangming.

Italia, Germania, Francia, Spagna e Olanda sono tra i Paesi europei in cui verranno venduti i modelli Leapmotor, ha aggiunto.

Né Tavares né Jiangming hanno dato dettagli sui luoghi in cui i veicoli Leapmotor potrebbero essere prodotti in Europa.

Tavares ha tuttavia dichiarato che lo stabilimento di Stellantis a Tychy, in Polonia, potrebbe essere una possibilità

(in redazione Gianluca Semeraro, editing Stefano Bernabei)