Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 5 hours 58 minutes
  • FTSE MIB

    32.587,19
    -113,73 (-0,35%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,43 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,78 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,01 (+0,35%)
     
  • Petrolio

    76,12
    -0,37 (-0,48%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.190,89
    -364,05 (-0,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.043,50
    -5,90 (-0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,0851
    +0,0028 (+0,26%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.860,59
    -11,98 (-0,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8553
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    0,9538
    +0,0008 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4662
    +0,0052 (+0,35%)
     

Tar Lombardia dà ok a sospensione fornitura gas a ex Ilva

L'ex acciaieria Ilva a Taranto

MILANO (Reuters) - Il Tar della Lombardia ha dato il via libera alla sospensione delle forniture di gas alla ex Ilva.

Il tribunale ha respinto il ricorso della società, oggi Acciaierie d'Italia (Adi) e controllata da ArcelorMittal, ponendo di fatto fine a un'estensione delle forniture che era stata concessa dai giudici in ottobre.

Appesantita dal rincaro dell'energia e da un calo dei prezzi dei rotoli di acciaio laminato, Adi è rimasta a corto di liquidità e ha accumulato ingenti debiti con i fornitori.

Tra questi Eni, a cui il gruppo dell'acciaio doveva 104 milioni di euro a fine giugno 2023.

Adi ha anche pagamenti arretrati per circa 200 milioni di euro nei confronti di Snam, fornitore di ultima istanza dell'acciaieria, che aveva chiesto l'interruzione della fornitura di gas. Secondo l'ordinanza del Tar, in base alle informazioni trasmesse da Snam risultano fatture non pagate per un totale di circa 109 milioni in scadenza al 31 dicembre 2023, a cui vanno aggiunti gli importi relativi al servizio erogato nei mesi di novembre e dicembre 2023 le cui fatture ammontano a un totale stimato di circa 69 milioni.

Acciaierie d'Italia in una nota ha comunicato che procederà a impugnare l'ordinanza del Tar davanti al Consiglio di Stato.

Al momento non è stato possibile avere un commento da Snam.

ArcelorMittal, il secondo produttore di acciaio al mondo, possiede il 62% del gruppo, mentre Invitalia ha il restante 38%.

L'impianto principale di Adi a Taranto è uno dei più grandi d'Europa e rappresenta un'importante fonte di occupazione nel sud Italia.

Il governo sta cercando di evitare la chiusura della società, che costerebbe migliaia di posti di lavoro e avrebbe gravi ripercussioni sul settore manifatturiero italiano.

Il ministro dell'Industria Adolfo Urso giovedì ha detto che è urgente "un intervento drastico" per l'azienda dopo che ArcelorMittal ha respinto il piano del governo per rilanciare gli impianti.

Il governo Meloni sta cercando un accordo con ArcelorMittal che faciliti l'uscita del gruppo da Adi senza innescare un contenzioso legale, secondo fonti vicine alla situazione.

Come soluzione a breve termine, il governo sta valutando la possibilità di mettere Adi in amministrazione straordinaria, nominando uno o più commissari per evitarne la chiusura. Una soluzione di questo tipo potrebbe anche aiutare il governo a guadagnare tempo mentre cerca un nuovo partner industriale per la società.

Circa 8.200 persone lavorano direttamente nello stabilimento di Taranto, mentre altre 3.500 sono impiegate nell'indotto. Negli ultimi mesi la produzione è stata ridotta, con la chiusura di alcune parti e la messa in cassa integrazione di molti lavoratori.

(Emilio Parodi, in redazione Sabina Suzzi, editing Claudia Cristoferi)