Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 5 hours 28 minutes
  • FTSE MIB

    32.948,67
    +36,33 (+0,11%)
     
  • Dow Jones

    38.989,83
    -97,57 (-0,25%)
     
  • Nasdaq

    16.207,51
    -67,39 (-0,41%)
     
  • Nikkei 225

    40.097,63
    -11,57 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    78,67
    -0,07 (-0,09%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.629,33
    +1.596,95 (+2,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.132,40
    +6,10 (+0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,0852
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    5.130,95
    -6,13 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    16.162,64
    -433,33 (-2,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.900,75
    -12,17 (-0,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8554
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    0,9615
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4734
    +0,0001 (+0,01%)
     

Tentativi di distensione tra Ue e Usa sull'Inflation Reduction Act

Tentativi di distensione tra Ue e Usa sull'Inflation Reduction Act

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha ospitato la terza riunione ministeriale del Consiglio per il commercio e la tecnologia (Trade-Technology Council) tra Unione europea e Stati Uniti. L'obiettivo è quello che le due parti risolvano la disputa sui sussidi statunitensi per l'economia green, che hanno spinto Bruxelles a parlare di "concorrenza sleale".

"Penso che abbiamo raggiunto un accordo notevole sui semiconduttori, su come prevenire nuove carenze, su come assicurarci di avere una visione d'insieme di ciò che verrà, ma anche sulla trasparenza e sui sussidi", ha dichiarato al termine dell'incontro Margrethe Vestager, commissario Ue per la concorrenza.

Il programma statunitense, ufficialmente chiamato Inflation Reduction Act (IRA), è un piano di investimenti di circa 369 miliardi di dollari, volto a costruire un nuovo ecosistema industriale in settori strategici dell'energia pulita.

Le sovvenzioni e i crediti d'imposta sono legati alle aziende che utilizzano prodotti statunitensi o che producono negli Stati Uniti. L'Ue li considera come un vantaggio sleale e una minaccia per i posti di lavoro europei nel settore delle tecnologie verdi.