Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    33.764,15
    +50,21 (+0,15%)
     
  • Dow Jones

    37.983,24
    -475,84 (-1,24%)
     
  • Nasdaq

    16.175,09
    -267,10 (-1,62%)
     
  • Nikkei 225

    39.523,55
    +80,92 (+0,21%)
     
  • Petrolio

    85,45
    +0,43 (+0,51%)
     
  • BTC-EUR

    63.457,68
    -2.190,41 (-3,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.360,20
    -12,50 (-0,53%)
     
  • EUR/USD

    1,0646
    -0,0085 (-0,7878%)
     
  • S&P 500

    5.123,41
    -75,65 (-1,46%)
     
  • HANG SENG

    16.721,69
    -373,34 (-2,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.955,01
    -11,67 (-0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8547
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9728
    -0,0027 (-0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4653
    -0,0029 (-0,19%)
     

Tod's torna in nero nel 2022 per 23 million, non distribuirà la cedola

Scarpe Tod's sono esposte nella vetrina del negozio del gruppo a Zurigo

MILANO (Reuters) - Il gruppo Tod's chiude il 2002 con utile netto pari a 23,1 milioni di euro che si confronta con una perdita di 5,9 milioni del 2021 dopo ricavi, già annunciati a fine gennaio, che hannosuperato il miliardo di euro, in crescita di circa il 14% rispetto al 2021.

Il Consiglio ha deciso di proporre all'assemblea di non deliberare la distribuzione di dividendi.

Secondo quanto si legge in un comunicato, il margine industriale ed i risultati operativi del gruppo sono migliorati sensibilmente nel corso dell'esercizio, spinti dalla solida crescita dei ricavi e dal più favorevole mix di vendita, in termini di area geografica, canale distributivo e categorie di prodotto.

Il risultato operativo è positivo per 58,2 milioni nel 2022, valore più che doppio rispetto a quello del 2021.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Nel commentare i risultati, il presidente e AD, Diego Della Valle, ha sottolineato che "considerando l'ottimo inizio di stagione nei nostri negozi e la solidità del portafoglio ordini per la prossima stagione, siamo molto fiduciosi sui risultati futuri del gruppo, pur in un contesto internazionale che resta incerto ed imprevedibile".

(Giancarlo Navach, editing Stefano Bernabei)