Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.776,95
    +247,61 (+0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.371,31
    -2,53 (-0,18%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9881
    +0,0038 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0007 (-0,05%)
     

Ue indaga su "marea" auto elettriche cinesi, valuta dazi

Discorso sullo stato dell'Unione europea a Strasburgo

BRUXELLES (Reuters) - La Commissione europea ha avviato un'indagine per stabilire se imporre dazi punitivi per proteggere i produttori Ue dalle importazioni di veicoli elettrici (Ev) cinesi più economici, che secondo Bruxelles beneficiano di sussidi statali.

"I mercati globali sono ora sommersi da auto elettriche più economiche. E il loro prezzo è mantenuto artificialmente basso da ingenti sussidi statali", ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen nel discorso annuale al Parlamento Ue, visto da molti a Bruxelles come un'occasione per promuovere la sua riconferma per un secondo mandato.

La Commissione avrà fino a 13 mesi di tempo, durante l'indagine anti-sovvenzioni, per valutare se imporre tariffe superiori al tasso standard Ue del 10% sulle automobili.

Di recente, le tensioni politiche e commerciali tra la Cina e l'Unione europea sono cresciute e molti membri Ue hanno cercato di ridurre la propria dipendenza dalla seconda economia mondiale.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Le case automobilistiche europee si sono rese conto che devono impegnarsi a produrre veicoli elettrici a basso costo e ad annullare il vantaggio della Cina nello sviluppo di modelli più economici e più facili da usare.

I produttori cinesi di veicoli elettrici, dal leader di mercato BYD ai rivali più piccoli Xpeng e Nio, stanno intensificando gli sforzi per espandersi nei mercati esteri, mentre la concorrenza in patria si intensifica e la crescita interna rallenta. Secondo la China Passenger Car Association (CPCA), le esportazioni cinesi di autovetture sono aumentate del 31% in agosto, dopo il balzo del 63% di luglio.

Secondo Jato Dynamics, il prezzo medio al dettaglio di un'auto elettrica di marca cinese in Germania è inferiore del 29% rispetto alla media dei modelli Ev non cinesi, senza contare gli incentivi o gli sconti, e il gap sale al 32% in Francia e al 38% nel Regno Unito.

Secondo la società di consulenza automobilistica Inovev, l'8% dei nuovi veicoli elettrici venduti in Europa quest'anno è stato prodotto da brand cinesi, rispetto al 6% dello scorso anno e al 4% del 2021. Tra i modelli cinesi più popolari esportati in Europa ci sono la MG di SAIC e il marchio Volvo di proprietà di Geely.

Dopo l'annuncio dell'Ue, i titoli dei produttori cinesi di veicoli elettrici hanno registrato ribassi. Byd, che prima delle dichiarazioni era in rialzo del 4,5%, ha chiuso in ribasso del 2,8%, mentre Nio ha perso l'1% e Xpeng il 2,5%.

Le case automobilistiche europee - Volkswagen, Bmw e Mercedes Benz e Stellantis - hanno ricevuto una breve spinta iniziale grazie all'annuncio, prima di annullare la maggior parte dei guadagni. Alle 13,35, Volkswagen perde lo 0,17% mentre Stellantis cede lo 0,29%.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, Chiara Scarciglia, editing Andrea Mandalà, Francesca Piscioneri)