Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.301,55
    -52,33 (-0,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Ue propone limitazioni a import da Ucraina per calmare proteste agricoltori

Agricoltori protestano a Beauvais per la pressione sui prezzi, le tasse e la regolamentazione ecologica

BRUXELLES (Reuters) - La Commissione europea ha proposto misure per limitare le importazioni di prodotti agricoli dall'Ucraina e una maggiore flessibilità nelle regole sui terreni incolti, nel tentativo di placare le proteste degli agricoltori in Francia e in altri Stati dell'Unione.

La Commissione ha detto di voler estendere la sospensione dei dazi sulle esportazioni dall'Ucraina per un altro anno, fino al giugno 2025. Originariamente erano stati sospesi nel 2022 in modo da aiutare l'economia ucraina dopo l'invasione della Russia.

Oggi gli agricoltori francesi e belgi hanno creato decine di blocchi sulle autostrade e sulle strade di accesso a un importante porto container per spingere i governi ad allentare le norme per la protezione ambientale e tutelare le loro attività dall'aumento dei costi e dalle importazioni a basso costo.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Gianluca Semeraro)